Educazione dei figli: educare l’autostima e gestire la ribellione

Oggi parliamo di educazione dei figli.

Nessuno nasce genitore, è ovvio, e spesso non ci sentiamo nemmeno pronti per questo ruolo.

Ma una volta che i figli ci sono, vanno comunque educati e cresciuti.

Oggi voglio spiegarti cosa ho imparato aiutando tanti genitori, in questi anni, a migliorare il loro rapporto con i propri figli.

 

Educazione dei figli: tutto dipende dall’amore

Educazione dei figli

Qual è il compito di un genitore?

Educare i propri figli sembra la risposta più semplice e immediata, ma questa induce a una domanda ulteriore: che vuol dire esattamente e, soprattutto, come devono essere educati i propri figli?

Cominciamo dal problema su cosa voglia dire educare: letteralmente, derivando dal latino, significa tirare fuori.

Come genitore, quindi, dovresti aiutare tuo figlio a esprimere il suo potenziale individuale, potenziale presente in ognuno di noi che aspetta, appunto, di venire espresso.

Ci sono tante scuole di pensiero e tanti sistemi educativi propongono altrettanti, differenti e a volte controversi, sistemi di educazione.

La cosa singolare, però, è che quasi tutti, almeno quelli più utilizzati e approvati, non sono affatto tali: se educare, come detto, significa tirar fuori, dobbiamo ammettere che i sistemi utilizzati sono rivolti più a mettere dentro, a inculcare certe verità, a spiegare come si fanno le cose, come ci si comporta.

Il presupposto, sbagliato a mio avviso, è che da soli i bambini non maturerebbero mai.

Seguendo questa ideologia priva di ogni dimostrazione concreta, i genitori finiscono per comportarsi in modo tirannico, imponendo, come a loro volta era stato imposto, un certo sistema di regole e valori.

Spesso senza prestare attenzione ai reali desideri dei figli, spesso senza la consapevolezza se questo sistema, che appare l’unico possibile, sia anche un buon sistema.

L’obbedienza la crea, è vero, ma è un’obbedienza forzata, che distrugge la creatività e la libertà di ogni individuo, per spingerli poi, una volta adulti, a cercare di rimettere a posto i frammenti di quello che sarebbero potuti essere, ma non gli è stato permesso di diventare.

I genitori devono porsi come delle guide, ossia come persone che hanno per prima sviluppato il loro potenziale, realizzato il loro valore, che siano diventatati ciò che erano nati per essere.

La guida deve avere intrapreso il cammino per poterlo mostrare agli altri.

I genitori hanno il dovere di crescere come persone per primi e di dare l’esempio più importante in assoluto: dimostrare che possiamo diventare ciò che siamo, che possiamo esprimere tutto il potenziale dentro di noi.

Questo è il vero esempio che devi e puoi dare tu.

La guida sarà tale, come deve essere un genitore, non perché ha il potere di fare e decidere, ma perché sa dove andare e sono i figli a riconoscergli la sua autorità.

Sta definitivamente tramontando l’epoca in cui si poteva imporre il proprio potere, deve nascere un tempo in cui i figli vogliano prendere i genitori come guide e modelli.

Solo se loro sceglieranno di seguirti potrai guidarli, altrimenti si tratterà di spingere o strattonare in una direzione senza coinvolgimento.

Ogni genitore, sono convinto, desidera per i propri figli una vita come persone libere e felici: educare attraverso la paura e l’imposizione non servirà a questo.

Il primo atto d’amore che possiamo fare verso i nostri figli è lasciarli liberi di essere ciò che sceglieranno di essere, imparando a porci come guide che possano scegliere di seguire.

E non devo venirti a dire quanto sia difficile far sì che loro vogliano ascoltarti e seguirti.Ma se riesci in questo, allora potrai guidarli per diventare persone felici e forti.

 

Come educare i figli a credere in se stessi: parliamo di autostima

Come educare i figli

L’autostima è stato uno dei primi temi a cui mi sono interessato e mi sono presto reso conto dell’importanza che essa ricopre per ognuno di noi.

Spesso essa viene confusa con il giudizio degli altri, con la nostra capacità di adeguarci al contesto e alle scelte che altri hanno fatto.

Il più grande nemico dell’autostima è l’omologazione, la mancanza di pensiero critico, l’adeguamento a pareri e idee esterni senza neanche averli analizzati e soppesati.

Consapevolezza e indipendenza di pensiero, libertà, sono gli ingredienti di base per un miglior rapporto con noi stessi.

Possiamo fare molto per l’autostima nei nostri figli e non solo.

Capacità come il pensiero critico, la consapevolezza e l’indipendenza sono sviluppabili sin da quando sono piccoli e possiamo fare davvero tanto per aiutarli a crescere con una sana autostima.

Spesso si confonde questo con l’instillare la convinzione di essere i migliori, di essere infallibili, che il successo sarà a portata di mano.

Queste non solo sono illusioni, ma non hanno nulla a che vedere con l’autostima. Se vogliamo accrescere l’autostima nei bambini, dobbiamo insegnare loro il contrario di quello che generalmente mostriamo.

Noi valiamo a prescindere da qualsiasi risultato sportivo, sociale o scolastico. Questa è la prima verità che loro devono sapere.

Il nostro valore non ha nulla a che vedere con il giudizio degli altri, anche se sono professori, esperti o premi Nobel.

La loro stima non deve essere legata ai comportamenti che ci piacciono, all’ubbidire ai più grandi, al rispettare regole imposte.

Se vogliamo dargli un’educazione positiva, dobbiamo insegnargli a ragionarea fare domande scomodea non accettare qualcosa solo perché noi o chiunque altro lo dice.

L’autostima è la nostra capacità di giudicare il nostro valore. Il primo passo è aiutare i nostri figli a saper valutare, da soli, senza aiuto di nessuno.

Non dobbiamo costringerli a scrivere, vestirsi, comportarsi nello stesso modo solo perché è “così che si fa” o per non sembrare ridicoli o sfigati.

Dobbiamo insegnare ai nostri bambini a non badare a cosa penseranno gli altri delle loro scelte.

Ogni volta che insegniamo ai nostri bambini a non agire per timore della disapprovazione degli altri, feriamo la loro capacità di costruirsi una sana autostima.

Se vogliamo sviluppare una sana autostima, dobbiamo spiegargli che sono liberi di fare scelte, di compiere azioni, ma che sono responsabili delle conseguenze di queste loro scelte e azioni.

Dobbiamo mostrare loro che sono ciò che scelgono di essere, che hanno un potenziale infinito e non devono adeguarsi agli altri rinnegando la loro unicità.

I bambini dovrebbero imparare sin da piccoli che sono liberi di scegliere, che sono persone uniche degne di valore, che sono responsabili della loro felicità, della loro vita.

Anche se hanno bisogno del nostro aiuto per crescere, non sono inferiori a noi e non dovremmo mai farglielo neanche pensare.

L’autostima nei bambini, non c’è dubbio, dipende dall’autostima che avremo noi che li guideremo fino al momento in cui sapranno spiccare il volo.

 

Quando i bambini si ribellano

Genitori e figli

Ma con i bambini ribelli, quelli che non accettano decisioni dei genitori, quelli che reagiscono sempre quando non possono fare come vogliono, quelli che finiscono per educare i genitori ad assecondarli, che trasformano una mamma ed un papà in servitori o marionette pronte a concedere tutto pur di ottenere obbedienza e tranquillità?

Bambini ribelli? Ecco come educarli.

Prima di tutto non illudiamoci che la ribellione sia una caratteristica innata dei bambini e che, per natura, tendano a disobbedire.

I bambini crescono in un ambiente che spiega loro, in modo chiarissimo anche se spesso tacito, cosa possono e cosa non possono fare.

I bambini diventano ribelli nel tempo, non dall’oggi al domani. Alla base della ribellione, quasi sempre, troviamo la mancanza di libertà, la carenza di amore nei loro confronti, oppure, all’opposto, la totale assenza di regole.

Certo, parlare di bambini ribelli in mancanza di regole precise sembra paradossale, ma essi possono ribellarsi alle regole poiché esse ci sono, in teoria, ma non vengono sempre fatte valere in pratica.

Spesso diamo regole da rispettare ma siamo i primi a infrangerle. Loro imparano da noi ad agire ed è normale che si ribelleranno a imposizioni che noi per primi infrangiamo.

Altre volte siamo molli nelle regole e lasciamo che vengano infrante, salvo poi tentare di imporle quando siamo stanchi di comportamenti che non apprezziamo o troppo tesi e nervosi.

Se non insegnano ogni giorno a rispettare una regola, non posso certo aspettarmi che all’improvviso sia rispettata.

Ma una volta che i bambini sono ribelli, come possiamo educarli? Prima di tutto dobbiamo mettere in chiaro regole precise condividendole con loro.

Le imposizioni non serviranno a nulla e le punizioni neppure.

Invece di punire mio figlio per come si comporta, devo far si che il suo comportamento gli neghi quel che desidera.

La punizione è sempre una misura “vendicativa”, ci vuole invece educazione, ossia responsabilità.

Posso insegnare a mio figlio questo se lui impara a fare i conti con le conseguenze delle sue azioni, non con la mia minaccia o la mia prevaricazione basata sulla forza.

È fondamentale poi avere una sana indipendenza emotiva per non cadere nei ricatti o nelle manipolazioni che i bambini imparano presto a usare.

Non dobbiamo essere duri, ma corretti, agire verso di loro come agiremmo verso noi stessi.

Le bugie, l’inganno, la forza non servono e incrementano la voglia di ribellione.

Ricordiamoci che non esistono ribelli dove ci sono libertà e giustizia. Se vogliamo educare dei bambini ribelli, dobbiamo trasformare la nostra casa in un regno di giustizia e libertà.

Inoltre è fondamentale la pazienza: ricorda che un bambino si ribella perché, dal suo punto di vista, c’è un ottimo motivo per farlo.

Se rimuoviamo quei motivi e impariamo ad amarli concretamente, avremo intrapreso la strada giusta, ma così come non sono divenuti ribelli all’improvviso, nemmeno terminerà questo loro comportamento istantaneamente, e qui dobbiamo avere pazienza e perseverare nell’amore.

Non dimenticarti poi che i bambini non sono ribelli, ma si ribellano, scelgono un comportamento preciso, come reazione migliore a qualcosa.

Se separi i comportamenti dalla persona, potrai correggere i primi, continuando ad amare, senza pretese, loro.

 

Conclusioni

Come vedi l’educazione dei figli parte dall’amore.

Sempre.

Sei vuoi che siano sicuri di sé e si fidino delle loro capacità, imparando come usare la loro testa, devi dare amore.

Quando un giorno saranno soli, tra la gente, e potranno scegliere se prendere strade sbagliate, sarà la loro sicurezza personale, la stima che hanno di se stessi, la loro indipendenza a determinare cosa faranno.

Tu non ci sarai, ma se loro sono cresciuti liberi e consapevoli, responsabili, non sarà un problema.

Se vuoi un consiglio o dirmi la tua opinione, qualche suggerimento o un aiuto per la tua situazione specifica, lascia pure un commento, sarò felice di leggerlo e condividere con te esperienza e passione.


5 Verità sulla tua vita

Ci sono 5 verità che ti riguardano da vicino e che in questo preciso momento stanno decidendo chi sei, se sei felice, perché hai trovato il mio sito.

In 5 semplici domande ti aiuterò a scoprirle.

Inizia il test

17 Commenti

  1. Sono mamma di un figlio di dodici anni , che presenta atteggiamenti bulli verso i suoi coetanei e per questo sono molto preoccupata. Ha un carattere molto forte ma allo stesso tempo è introverso , in casa non ha un grande dialogo sopratutto con il padre , non racconta nulla di se o di quello che gli accade quando è fuori anche se li viene chiesto . Ultimamente ha avuto dei grandi cambiamenti fisici è cresciuto molto in altezza superando i suoi coetanei di tanto e per questo si sente forte nei loro confronti adottando atteggiamenti di superiorit. Sono stata convocata a scuola perché i docenti hanno notato che rubava la merenda a un compagno da diverso tempo fino a quando lo stesso compagno stanco di subire è scoppiato a piangere , ma lui ha negato davanti all ‘evidenza dicendo che la merenda gli veniva offerta ! tutto questo mi ha fatto enormemente arrabbiare e per questo l ‘ ho messo in punizione togliendogli il cellulare e non facendolo piu uscire. Ho cercato in tutti i i modi di fargli capire che non è un atteggiamento corretto che deve rispettare i compagni e gli amici di gioco ma lui durante i rimproveri e i discorsi se ne sta zitto non si difende neanche verbalmente. Non riesco a capire se prende sul serio le mie parole non so più cosa è come devo fare.

    • Ciao Mirella,
      provare a cambiare approccio.
      Rimproverarlo e punirlo funziona?
      Probabilmente ha bisogno di un dialogo diverso, di potersi fidare (per aprirsi e parlare di sé) e questo richiede pazienza, tempo,perché le abitudini non cambiano in pochi giorni. Quel che tu puoi fare è imparare a cambiare il tuo modo di affrontare le situazioni e cambiare così il modo in cui ti approccio anche a lui. Per offrirgli una relazione diversa che poi sarà lui a dover accettare. Anche se, nel momento in cui tu cambi, inevitabilmente anche lui cambia.
      Ti posso suggerire due cose: iscriviti alla mia Scuola, così potrai iniziare a fare un percorso che ti porti ad avere gli strumenti per aiutarlo.
      E poi sentiamoci: così possiamo definire insieme come gestire le varie situazioni. Da questa pagina puoi prenotare un incontro 🙂

  2. ciao, sono una mamma disperata con duw bimbi uno di 11 l’altro di 8,quello di 11 e ribelle,io riconosco di essere stata troppo dure e di avergli imposto regole,praticamente un continuo costringere a fare la lezione,a svegliarsi la mattina a lavarsi i denti, ecc ecc….avrei bisogno di aiuto..

    • Ciao Rosa,
      sentiamoci, così possiamo analizzare insieme i momenti peggiori e i comportamenti negativi e ti aiuto a trovare soluzioni pratiche per gestirli e avviare un cambio di approccio che modifichi il vostro rapporto gradualmente.
      Da questa pagina prenota un incontro 🙂

  3. Salve m chiamo Laura e sono mamma di un bambino di 7 anni,Alessandro e di una bimba di 5,Giorgia…negli ultimi due anni circa,Alessandro sta mostrando molto segni di ribellione fino ad arrivare oggi ad un punto in cui è difficile affrontare qualsiasi momento della giornata.si ribella a qualsiasi negazione,anche se gli viene sempre chiaramente spiegato il motivo,spesso cerca lui in tutti i modi il motivo di ribellarsi,anche se non c’è!A questa ribellione,da qualche mese,si è abbinata anche una grande difficoltà ad addormentarsi e ad avere un sonno lungo e tranquillo…questo avviene solo se c’è la mia presenza!Le lamentele e le ribellioni sono presenti anche a scuola e nei momenti di svago con i suoi coetanei. ..sia io che il padre sentiamo la situazione sfuggirci di mano!puoi darci qualche consiglio?credi possa essere utile rivolgerci ad un neuropsichiatra infantile?

    • Ciao Laura,
      quindi se tu non sei presente, lui non si comporta nello stesso modo?
      Ovviamente per me è difficile dirti se rivolgervi a un neuropsichiatra, dovrei saperne di più.
      se ti va possiamo sentirci via Skype, per avere modo di capire meglio la situazione, farti domande e vedere quali consigli possa darti.
      Vai in questa pagina e scegli quando sentirci 🙂

  4. Sono una mamma di 39 anni e di 5 bimbi di 9 /6/5/5/3……e la mia felicità è finita quando ho scoperto che mio figlio gemello di 5 anni è sordo…..mio marito sì ammalato qualche anno fa ..10 anni di matrimonio di sacrifici e scelte sbagliate…vivo tutto con gran fatica e lotto sempre…..nascondo spesso la mia sensibilità perché se no mi schiacciano….ho scoperto un mondo di incompetenze e cattiverie gratuite….ma forse è solo il mondo ed io ho smesso di vivere come Alice nel paese delle meraviglie da un po….purtroppo! Se qualcuno può mi aiuti….grazie

    • Ciao Antonella,
      tuo figlio è sordo, questo non dipende da te, non decidiamo la maggior parte di quel che viviamo, ma scegliamo come viverlo..
      Capisco che sia difficile per te, ma tu hai una possibilità enorme: aiutare tuo figlio a non sentirsi inferiore agli altri per via della sua sordità. Certo è difficile. ma hai due possibilità: affrontare questa cosa con tutta la gioia e l’amore che puoi, per lui, per te e gli altri tuoi figli e non solo, oppure farti distruggere dall’ingiustizia dalle vita, e soccombere giorno dopo giorno.
      Il primo passo sono le tue emozioni: se quelle negative prendono il sopravvento, ti massacreranno. Parti da questa pagina.

  5. salve , sn una mamma di un bambino di 6 anni, k pero` ultimamente mi precupa il suo attegiamento troppo infantile o tipo immaturo ,nel senso che lo vedo giocare con bambini piu piccoli in piu` non e` per niente responsabile. Da cosa e dovuto?
    E per quanto cerco di spiegargli in tutti i modi non riesco ad avere nessun miglioramento

    • Ciao Lea,
      devi cercare di capire che motivo ha di fare, e non fare, tutto quanto.
      Invece di giudicare “infantile o irresponsabile” un suo comportamento, cerca di comprendere la ragione per cui lo adotta. Leggiti questa pagina.
      Inoltre responsabilità significa potere. Lui ha potere sulle cose di cui dovrebbe sentirsi responsabile? Leggiti anche questa 🙂

  6. Buonasera, ho una figlia di 6 anni e una di 5, la maggiore ribelle da far paura e la minore obbediente…effettivamente la ribellione della prima scatta spesso quando impongo regole di altri, del tipo a casa dei nonni non si possono fare cose concesse a casa propria, la piccola segue le regole mentre la grande si ribella e le infrange quasi a spregio. In più la grande non riesce a chiedere scusa quando si accorge evidentemente di aver sbagliato, mentre la piccola pronuncia subito scuse sentite accompagnate da una lacrimuccia. Quanto incide il carattere e quanto il mio atteggiamento? Mi sembra di essere uguale con entrambe eppure una mi segue al volo mentre l’altra mi contrasta quasi per sport e fa così anche con mio marito e con la nonna paterna. L’unica che ascolta è mia madre che la asseconda in tutto(quindi non so se la ascolti realmente). Mi può dare un suggerimento? Come posso migliorare?

    • Ciao Elisa,
      ovviamente ognuno di noi reagisce in modo diverso alle situazioni. Per prima cosa non fare paragoni, neanche nella tua mente, tra di loro.
      Il carattere incide? Pazienza, non dipende da te. Tu puoi controllare il tuo atteggiamento, punta sempre su quel che puoi fare. Ecco la domanda chiave: Per quale motivo reagisce così?
      Devi capire, e dopo aver capito accogliere e guidare.
      Ricorda che una delle cose che mai vogliamo perdere è la nostra libertà, e i bambini subiscono tantissimo questa imposizione in tanti momenti.
      Leggi sia questa pagina, sia questa che questa, ti aiuteranno.
      E se vuoi possiamo anche parlarne via Skype e trovare idee ad hoc da provare 🙂

  7. Salve sono una mamma di un bambino di 10 anni,mi sono resa conto che mio figlio ultimamente mi dice un sacco di buggie soprattutto sui compiti.Dove sa di farmi più male,leggendo il suo articolo che bisogna dare amore mi sono posta la domanda che non gli do abbastanza amore?magari presa dal fratellino di 19 mesi,ma al di là delle cose materiali che come chiede gli vengano date.Forse proprio li sbaglio ma vedo che non ci apprezza e non da valore a nulla tutto scontato😕Allora davvero non so cosa fare,a prescindere è molto sensibile ed io sono disperatamente.Mi sia lei un consiglio come fare.Grazie

    • Ciao Lisa,
      la prima cosa da fare è ascoltare e dedicare tempo. Dietro ogni bugia c’è sempre una motivazione.
      I compiti, come ogni altra cosa, devono sempre venire dopo tuo figlio, e lui questo lo deve non solo sentire a voce, ma soprattutto vedere nei fatti, nei tuoi gesti e comportamenti.
      Dedica più tempo a stare con lui, a fare cose che piacciono a lui e che vi possono riavvicinare. Proprio stamattina riflettevo che “i forti” ricevono meno attenzioni, e lui, rispetto al fratellino, è ovviamente il forte. ma anche i forti apprezzano le attenzioni e spesso sono preziose per loro 😉

  8. L’articolo risente della mancanza di un fattore oggi totalmente svalutato: l’esperienza. Pensare che un bambino possa crescere da solo lo portera’ inevitabilmente ad affrontare i problemi che i genitori hanno gia’ affrontato in passato, nello stesso modo e con molta probabilita’ a ripetere gli stessi errori senza approfittare di chi ha gia’ vissuto determinate situazioni e fare tesoro degli errori altrui. L’evoluzione della societa’ e’ esponenzialmente cresciuta nel momento in cui si e’ potuto trasmettere le esperienze e le conoscenze (inizialmente con la stampa).
    Partire da dove i genitori sono arrivati e’ un gran vantaggio e permette di arrivare piu lontani. Fare lo stesso percorso non evolve e si blocca lo sviluppo sociale della societa’ .
    Certo lasciare libero il bambino libera le coscienze da responsabilita’ e quindi e’ molto comodo da accettare come metodo, ma quando i figli ti diranno non mi hai insegnato niente cosa risponderai?

    • Nell’articolo parlo di genitori come guide.
      Una guida ti conduce per la strada che ha fatto in prima persona. Quindi che conosce per esperienza diretta. Ne parlo dunque.
      L’esperienza è importante se è consapevole. Altrimenti diventa un modo per imporre il proprio modo di fare e non è più un punto di partenza, ma un limite.
      Ci vuole sempre equilibrio. La libertà non è anarchia, leggi questa pagina 🙂

  9. BUONASERA, STAVO LEGGENDO IL SUO ARTICOLO E MAMMAMIA QUANTE VERITA’, QUANTI SBAGLI. HO UNA BAMBINA DI 6 ANNI E PER GRAVE MANCANZA MIA ADESSO SI STA RIBELLANDO A NOI, ALLA SCUOLA (FA LA PRIMA ELEMENTARE). HO DEDISO DI RIVOLGERMI AD UNO PSICOLOGO PER AIUTARE NOI GENITORI A GESTIRE LA SITUAZIONE PERCHE’ CHIARAMENTE (E IL SUO ARTICOLO ME NE DA’ LA CONFERMA) STIAMO SBAGLIANDO NOI. DIAMO REGOLE IN CONTINUAZIONE CHE POI E’ TROPPO FATICOSO FAR RISPETTARE, IMPONIAMO L’EDUCAZIONE… INSOMMA SBAGLI COME SE PIOVESSE!!!! GRAZIE MILLE DI QUESTO ARTICOLO E’ STATO UNA LUCE NEL BUIO

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here