Come difendersi dalle persone cattive: fagli pulire le scarpe

Indipendenza Emotiva

Oggi parliamo di come difendersi dalle persone cattive.

Il principio di base da cui dobbiamo partire si chiama indipendenza emotiva. Se non comprendi questo, le persone ti faranno sempre del male. O almeno questo è quello che crederai tu.

Andiamo con ordine.
Cosa significa indipendenza emotiva?

Non significa indifferenza, non significa egoismo (io sto bene, degli altri chi se ne frega), non significa distacco o isolamento (sto bene da solo e tengo a distanza gli altri).

Indipendenza emotiva significa che le mie emozioni (emotiva) sono indipendenti da quello che mi accade. E da quello che fanno gli altri.

Esattamente l’opposto di quel che pensiamo di solito, allorché consideriamo le cose che succedono, i comportamenti o le parole degli altri la causa della nostra felicità o della nostra sofferenza.

Il primo passo per difenderti dalla cattiveria degli altri è capirlo, e per questo ti suggerisco di leggere con molta attenzione la pagina in cui parlo dell’indipendenza emotiva.

Detto questo, io uso spesso la metafora della porta per farti capire che hai due possibilità nella vita, due grandi alternative: Amore e paura.

Aprirti a quel che accade (Amore), oppure chiuderti (Paura).

La seconda opzione sarà la vera causa della tua sofferenza e del tuo malessere, anche se in apparenza chiuderti di fronte alle cose che temi sembra la soluzione più logica.

Il segreto è invece fare proprio il contrario: aprirti e accogliere la vita come viene, con tutto quello che ti offre, e imparare ad avere l’indipendenza emotiva per viverlo in modo saggio, prudente e positivo.

 

 

Come difenderti dalle persone cattive controllando le loro scarpe

Come difendersi dalle persone cattive

Per cui mi è venuta in mente una cosa importante se vuoi difenderti dalla cattiveria degli altri: fai attenzione alle loro scarpe.
Sì, faresti entrare in casa tua una persona con le scarpe sporche di fango?
Io dico di no, visto che poi ti toccherebbe pulire tutto!

Aprire la porta e amare non significa che lasci entrare le persone con le loro scarpe sporche.
La porta è aperta, ma se hai del fango sotto alle scarpe, prima devi pulirle sul tappeto, poi entri.

Amare non significa assecondare.
Amare significa anche dire di “no” quando pensi che quel comportamento sia sbagliato.

Se amo io voglio che tu entri nella mia casa, voglio condividere con te la mia vita, e non perché senza di te non sono felice: per cui non entri con le scarpe sporche.

Se avessi bisogno di te per stare bene, probabilmente subirei lo sporco pur di non perderti.
E questo non sarebbe mai amore.

La mia porta è aperta per coloro che vogliono rispettare la mia casa, altrimenti resta aperta, ma per entrare ti chiedo di pulire le scarpe, o di toglierle, per non rovinare tutto.

Amare non significa mai subire o assecondare gli altri per timore che si allontanino.
La mia porta è aperta, per cui chi vuole entrare davvero, con rispetto, può farlo.

Non troverà mai un muro da parte mia, ma delle regole che proteggano ciò che offro, queste sì.

E ovviamente se mi rendo conto che una persona ha bisogno urgente del bagno perché sta male, non importa se sporcherà un po’ in casa: posso pulire, posso capire, posso comprendere.

Amare è flessibilità, le persone devono venire prima delle regole

Ovviamente sta a te capire se chi arriva sulla porta con le scarpe sporche ha davvero un bisogno urgente oppure ne approfitta perché vuole entrare ma non gli importa nulla dello sporco che può portare dentro.

Anche capire se una persona (ti) ama davvero è importante.

E visto che saper dire di “no” è indispensabile per poter difenderti dalle azioni negative degli altri, leggi la guida in cui ti spiego come imparare a dire di no ⇒

Amare è la cosa più impegnativa del mondo forse anche per questo: restare aperti, senza restare inerti.
Accogliere senza subire, capire senza farsi ingannare.

Ma ricorda: se la porta la chiudi non proteggi la tua casa, ci muori dentro.


Ti piace quello che scrivo? Leggi il mio libro ⇒


P.S.
Ci sono 5 verità che ti riguardano da vicino e che in questo momento stanno decidendo chi sei, se sei felice, perché hai trovato il mio sito. In 5 semplici domande ti aiuterò a scoprirle, capirle e dominarle.

Completa il modulo sottostante per vedere i risultati
Lascia nome e email per iscriverti alla mia newsletter e ricevere i risultati del test.

Quanto valgono 20 minuti?

Ho creato un programma di allenamento con cui, in soli 20 minuti al giorno, imparerai come affrontare qualsiasi situazione senza più starci male.

Solo 20 minuti per eliminare la sofferenza. Pensi che questo vale 20 minuti del tuo tempo? Se ti interessa, scopri il mio programma e iniziamo subito il tuo allenamento.

Scopri come funziona ⇒


Ti piace quello che hai letto? Condividilo!

Chi ha scritto questa pagina:

Giacomo Papasidero

Mental Coach dal 2010, mi occupo di felicità ed emozioni da oltre 10 anni. Il mio obiettivo è insegnare che ognuno di noi può diventare più forte di qualsiasi problema. Questo per me significa diventare felici. Anche se ho tenuto un seminario all'Università di Parma e sono stato ospite a SKyTg24, la cosa di cui vado più fiero è la Scuola di Indipendenza Emotiva che ho avviato nel 2018, perché è un percorso chiaro, graduale e concreto che sta rivoluzionando la vita di tante persone.

Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest
50 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Scilla
Ospite
Scilla
3 mesi fa

Ciao ,
non so se faccio bene a scriver qui ma è da un po che leggo ciò che scrivi e devo prendere una decisione e non so se sia quella giusta.
Da quando ho 19 anni ho sempre viaggiato lavorando all’estero. Sceglievo un posto partivo e poi mi cercavo lavoro etc .poi da quando ho avuto i miei 2 figli mi son fermata .
Ora da un anno e mezzo ho trovato lavoro in uno studio commercialista , ho sempre odiato la matematica e i numeri ma ho avuto questa opportunità e l’ho presa . Da lì son iniziate le mie paure etc , ho e avevo attacchi di panico etc , quando sembrava andasse meglio il mio ex capo ha venduto ad una capa un po particolare diciamo.. Eravamo in 12 siamo rimasti in 4 … Ora a fine mese mi scade il contratto e vorrei lasciare il tutto per star meglio e trovar qualcosa a cui a me piace..ma ho paura di quello che diranno i miei e altri .. non so se mi son spiegata bene ..mi son dilungata un po troppo..
Ti ringrazio per l’attenzione.
Buona giornata

Scilla
Ospite
Scilla
3 mesi fa
In risposta a  Giacomo Papasidero

Grazie mille Giacomo..
si io la scelta l’ho già da un po di mesi ma ho paura di non trovar più un altro lavoro così vicino casa e so già come la prenderanno i miei ..
Grazie per la risposta..
buona giornata

Scilla
Ospite
Scilla
3 mesi fa
In risposta a  Giacomo Papasidero

Volevo dire che è da un po di mesi che voglio cambiare perché non fa per me questo tipo di lavoro ma non capisco se lo faccio per fuggire o se non lo faccio è per paura delle conseguenze… non so come spiegare.. poi sarebbe più facile esser felici a prescindere da ciò che accade ma al momento non riesco non mi sento in gabbia..

Paola
Studente
Paola
3 mesi fa

Quali sono le regole che proteggono? In quali casi non si rispetta?
Come distinguo il bisogno urgente dal menefreghismo? Come distinguo amore da interesse? Sta a me distinguere? Ma su quali elementi?

Paola
Studente
Paola
3 mesi fa
In risposta a  Giacomo Papasidero

Se io faccio qualcosa per fare piacere a qualcuno a cui tengo, ma che non credo sia giusto fare e che non farei se fosse solo per me, sto mancando di rispetto a qualcuno?

Paola
Studente
Paola
2 mesi fa
In risposta a  Giacomo Papasidero

Sì hai ragione. Bene

Andrea
Ospite
Andrea
5 mesi fa

Al test ho preso DUE e mi sento contento e tranquillo. Mi devo preoccupare?

Emanuele
Emanuele
5 mesi fa

Ciao Giacomo! Ti leggo da mesi e ti ringrazio per gli spunti interessanti =) la cosa che mi piace di più è che ti ho trovato dopo che anch’io avevo letto ad es. Amore di Buscaglia e L’arte di amare di Fromm per conto mio! Al momento mi sorge anche una domanda, forse un po’ strana… ma tu, sei un Illuminato?
Grazie ciaoo!

Mary
Ospite
Mary
9 mesi fa

Ciao, grazie per quello che scrivi. La mia domanda è: come fare quando si soffre perché una persona che ami NON vuole entrare? e magari avrebbe anche le scarpe pulite?? Dato che, come dici anche tu, se amo voglio che entri nella mia vita… come si fa a vivere l’indipendenza emotiva in questi casi?

Megumi Campanella
Coach
Megumi Campanella
9 mesi fa
In risposta a  Mary

quando ami una persona, le apri la porta e sei pronta ad accoglierla con gioia, e la lasci libera di entrare se lo desidera.
Se invece di amarla ne hai invece “bisogno” perchè la tua casa senza di lei è vuota, non potrai lasciarle la libertà di entrare come di non entrare 🙂

Se costruisci la tua felicità dentro di te, e non la farai dipendere da nessuno, neanche da chi ami (indipendenza emotiva), solo allora potrai donarle quella libertà che è uno degli ingredienti fondamentali dell’amore.

Laura
Laura
9 mesi fa

Grazie Giacomo! Concordo pienamente, testato e provato, con quello che dici oggi: quando si impara a schivare le bastonate, si continua ad amare diventando molto piú forti ed é davvero 1. una liberazione 2. divertente da morire 3. vera gioia. Grazie per le tue lettere e per ció che scrivi.

michela
michela
9 mesi fa

Meraviglioso.

Francesca Martelossi
Ospite
Francesca Martelossi
9 mesi fa

Grazie mille per la tua semplicità nel spiegare gli argomenti,entrano perfettamente nel bersaglio. Grazie!

Marina Giammartino
Ospite
Marina Giammartino
9 mesi fa

Bravissimo Giacomo, tu hai capito tutto!
Da quando anche io ho acquisito l’atteggiamento mentale di cui parli, mi sento più libera dalle emozioni negative e perciò libera di vivere e amare incondizionatamente, e più forte rispetto a chi mi fa del male, perché provo per loro solo compassione e prego perché prendano coscienza della loro sofferenza.
Un abbraccio forte forte.
Marina

Titti
Titti
9 mesi fa

Dopo varie peripezie , ho accettato che mia marito avesse anche un altra donna , lui ha promesso delle cose che poi puntualmente non rispetta perché <> anche all’altra , io ovviamente ogni volta resto delusa e vengo anche accusata di ‘’sapere’’, e quindi non dovrei discutere e non pensare solo egoisticamente a me stessa