Come dimenticare un amore che fa soffrire e tornare a vivere

Scritto da Giacomo Papasidero

In questa guida ti spiego come dimenticare un amore finito.

ma quello che ti mostrerò funziona perfettamente anche per un amore impossibile, sbagliato, malato…

Insomma, che ti fa soffrire.  Ecco cosa ci troverai:

  1. Scoprirai perché stai male, il vero motivo.
  2. Ti mostro come sentirti meglio già tra qualche ora.
  3. Vedrai il video che cambierà per sempre la tua vita.
  4. Ti spiegherò come eliminare per sempre la sofferenza dalla tua vita.

Come vedi abbiamo alcune cose molto importanti da fare insieme.

Segui con attenzione l’ordine e leggi con calma, sto per spiegarti qualcosa di indispensabile, che non ti insegnerà praticamente nessuno.

Cominciamo!

 

Come dimenticare un amore finito: capire perché stai male

Come dimenticare un amore

Il primo obiettivo, quando voglio risolvere un problema, è capire qual è, davvero, il problema.

Se stai soffrendo per un amore finito, è sicuro che pensi di sapere bene quale sia il problema: ami una persona che non ti ricambia.

In realtà la questione è molto più complessa.

Negli ultimi anni ho parlato con tante persone per aiutarle a migliorare la propria vita e spesso, diciamo nel 90% delle volte, una relazione finita era la molla che le aveva spinte a cercare questa via d’uscita.

Posso dire di averne viste di tutti i colori e alla fine ho individuato i 4 veri motivi per cui soffriamo quando un amore finisce.

 

1) Hai perso la fonte della tua felicità

Questa è probabilmente la motivazione più forte, ma di cui siamo meno consapevoli.

La persona che ti ha lasciato era la fonte della tua felicità.

Probabilmente pensi che fosse questa persona a renderti felice.

Sono sicuro che anche tu, in un modo o nell’altro, hai pensato o detto qualcosa di simile:

  1. Sei la mia vita.
  2. Questa persona mi rende felice.
  3. Da quando la conosco sono felice.
  4. Senza di te la mia vita sarebbe triste.
  5. Hai portato il sole nella mia vita.
  6. Il suo amore riempie la mia vita.

La forma può variare, ma la sostanza è molto lontana dalla tua esperienza?

Non pensi che la tua felicità dipendesse da questa persona?

Non credi che fosse lei a farti stare bene e, adesso che la vostra relazione è finita, sia la sua assenza a farti stare male?

Io credo proprio di sì.

Il primo vero motivo per cui stai male è che hai perso la persona che doveva renderti felice.

Ora facciamo un passo indietro.

Tutti vogliamo essere felici. Intendo dire che vuoi stare bene, provare emozioni positive, avere una vita tranquilla e serena.

Al contrario non ti piace stare male, o provare sempre emozioni negative, essere in ansia, provare rabbia o tristezza.

In questo senso dico che tutti vogliamo essere felici: chi preferirebbe stare male e vivere una vita triste e infelice?

Nessuno, appunto, e neanche tu!

Il primo motivo per cui stai soffrendo è la convinzione di aver perso chi ti poteva dare tutto questo.

Prima di continuare penso sia indispensabile capire meglio le nostre emozioni. Le tue emozioni.

Oggi stai male perché provi emozioni negative. Semplice.

Ho creato un test che in pochi minuti può rivoluzionarti la vita. Ti spiega ciò che serve per liberarti dalla sofferenza.

14 domande fondamentali per tornare a stare bene.

 

E da qui nasce la seconda ragione della tua sofferenza.

 

2) Senza questa persona, non sarai più felice!

Non solo sai di aver perso chi ti dava felicità, ma quasi sicuramente pensi che non troverai mai più qualcuno capace di renderti felice.

Dove sta il problema?

Come detto tu vuoi essere felice. Ma non basta dire questo.

Quello che devi capire è che tu vuoi, più di qualsiasi altra cosa, essere felice.

Se la persona che ti ha lasciato ti facesse soffrire e non ti avesse mai reso felice, nemmeno per un secondo, non staresti male.

Certo, potresti dirmi che avevate momenti difficili e che, magari, ultimamente le cose andavano sempre peggio, ma forse pensi anche questo:

  • Abbiamo vissuto anche momenti meravigliosi e potevamo essere ancora felici.
  • Ci sono tante cose negative, ma ha anche moltissimi aspetti positivi.
  • Oltre ai difetti era una persona meravigliosa, che sapeva rendermi felice, anche se non sempre.
  • Ho un sacco di ricordi felici insieme, nonostante le difficoltà.

Questa persona ha condiviso con te momenti felici. Ne sono certo.

Se così non fosse la vostra relazione non sarebbe durata e tu avresti chiuso la questione molto tempo fa.

In realtà hai sicuramente provato felicità con questa persona. Ne sono sicuro.

Anche poca, magari per poco tempo, ma hai avuto modo di pensare che, se qualcosa cambiasse, sarebbe ancora possibile essere felici insieme.

Il vero problema è che tu vuoi essere felice.

Che questa persona era capace di farti provare questa emozione e che temi di non trovare nulla che possa farti vivere in futuro questa gioia.

Questi sono i primi due veri problemi, le reali cause della tua sofferenza.

Non stai soffrendo perché ti ha lasciato. Soffri perché hai perso, forse per sempre, la tua felicità.

Sai che potresti anche non soffrire per nulla?

  • Se prima di lasciarti ti fossi innamorato, o innamorata di un’altra persona, che sapeva renderti davvero felice. Ora la fine della vecchia relazione non sarebbe un problema dal momento che ne vivi una nuova e felice.
  • Se avessi smesso di amare questa persona prima che ti lasciasse e non sapevi come dirglielo. Magari temevi di ferire i suoi sentimenti, ma lasciandoti, ti avrebbe fatto addirittura un favore.
  • Se tu fossi felice, per tanti altri motivi, non soffriresti così tanto. Potrebbe dispiacerti, è vero, ma se fossi felice ugualmente, ti alzeresti con entusiasmo la mattina anche senza la persona che ti ha lasciato.

Il problema non è che l’amore è finito. Il problema è che hai perso, per sempre, la tua felicità.

Te lo ricordo: essere felice è la cosa più importante.

Più di una relazione. Capiamolo meglio.

 

3) La tua vita non ha senso

L’hai pensato?

Forse sì.

Perché iniziamo una relazione d’amore? Per noia? Ovviamente no.

Perché ne sentiamo così tanto il bisogno? Perché cerchiamo continuamente di trovare la persona giusta?

Il motivo è semplice: perché sappiamo che questa persona speciale ci renderà felici.

Qualsiasi esperienza tu abbia avuto sono certo di una serie di cose, anche se non ti conosco.

  1. Anche nella peggiore relazione hai trovato momenti di felicità.
  2. Anche con il peggiore partner, sapresti dirmi delle qualità positive che ti piacevano.
  3. Anche se le cose andavano male, pensavi che avrebbero potuto migliorare ed essere felici insieme.

Sono affermazioni che condividerai certamente.

Pensaci: davvero staresti con una persona che non ti ha mai reso felice, o fatto stare bene, per un solo momento?

Mai, intendo proprio mai.

Neanche per un secondo hai pensato che sareste potuti essere felici, anzi.

Ci staresti con chi ti ha sempre dimostrato di rendere infelice, dolorosa e triste la tua vita?

Io non credo proprio.

Spesso chiudiamo una relazione perché vogliamo di più, perché quella persona non ci da quel che ci serve.

Cosa? Essere felici.

Noi vogliamo una relazione perché siamo certi che ci renderà felici. Altrimenti preferiamo stare soli.

Quindi, poiché la persona che ci ama ci renderà felici, quasi sicuramente diventerà la cosa più preziosa della nostra vita.

Questo vuol dire che la nostra vita ha senso se lei, o lui, c’è. Se ci ama.

Il senso della nostra vita è legato alla nostra felicità.

Nessuno di noi fa una cosa che non ha senso.

Voglio fare con te un gioco che ho usato alcune volte per aiutare le persone a riflettere.

 

Pensa a una persona che ami, che ti sta davvero a cuore.

Tienila in mente.

Adesso pensa a uno spillo. Uno davvero grosso, appuntito.

Ti lasceresti pungere il braccio, o la schiena con questo spillo?

Fa male, te lo dico subito. E anche parecchio.

Io penso che dopo la prima puntura, se arrivi a fartela dare, ti tireresti indietro.

Fa male e non ha senso.

Ricorda, vogliamo essere felici e il dolore fisico non è proprio associato alla felicità.

Ma torniamo alla persona che ti sta a cuore.

Immagina per qualche istante che sia colpita da una gravissima malattia, incurabile, e le restino poche settimane di vita. O pochi giorni.

Ora ti faccio una proposta: se ti lasci pungere dallo spillo per 100 volte, questa persona guarirà.

Ne hai la certezza.

Funziona, devi solo sopportare le 100 punture.

Le accetti?

Io dico di sì.

Eppure sono dolorose, come prima.

Però sono anche sicuro che adesso le accetteresti.

Sai perché?

Perché adesso hanno un senso.

 

Che senso ha stare con una persona che ci rende infelici?

Nessuno, a meno che non pensiamo di poter migliorare la relazione ed esserlo. Insieme.

Non soffri perché l’amore è finito, ma perché senza questa persona non sei, e non sarai, mai più felice. Che senso ha vivere se non puoi esserlo?

Nessuno.

Se togli la felicità, se trasformi la vita in una sofferenza continua e senza motivo, allora niente ha più senso.

Non ti va di alzarti dal letto, di vestirti e uscire, non vuoi lavorare, parlare con le persone, perfino le tue passioni sembrano senza significato.

Quello che prima ti entusiasmava e ti faceva sentire vivo, o viva, adesso non ti da più quell’energia.

Ho indovinato?

Se vedi la tua vita senza felicità, diventa inutile.

Magari ti trascinerai stancamente avanti, facendo le stesse cose ogni giorno, per abitudine, senza entusiasmo.

Ma dentro stai morendo. Perché nulla ha più senso.

Il problema non è che l’amore è finito.

Il problema è che non sei felice, non lo sarai mai e questo toglie significato a quello che fai.

Un senso è qualcosa che ti farà stare bene.

Gli spilli fanno male, ma poter salvare la vita a chi ami vale di più e ti renderà felice, nonostante il dolore.

Una cosa ha senso, per te come per me, se può renderti felice.

Arriviamo però all’ultimo motivo della tua sofferenza, paradossalmente il più importante.

 

4) Soffri per quello che pensi

Questo è il motivo principale, forse quello “vero”.

Ti ho spiegato che soffri perché hai perso la tua felicità, per sempre, e questo toglie valore a tutto.

La domanda è: hai perso la tua felicità o pensi di averla persa?

Questo è un passaggio fondamentale.

Se non comprendi questo, soffrirai sempre, per un amore finito come per qualsiasi altra vicenda della tua vita.

Se la persona per cui soffri ti chiamasse ora, mentre leggi queste parole, per dirti di aver sbagliato e di amarti più della sua vita, come ti sentiresti?

Probabilmente bene.

Forse ha agito male nei tuoi confronti e ha commesso molti errori. Però insieme potrete essere felici e superarli, e questa persona vuole cambiare.

Perfetto no?

Un minuto dopo leggi un suo messaggio sms, o su whatsapp, in cui ti dice che scherzava, che voleva solo prenderti in giro.

Ora staresti anche peggio di prima.

Ti faccio notare un paio di cose e tra poco ti mostrerò un video, uno dei più importanti che tu abbia mai visto in vita tua.

  1. Questa persona non ha mai pensato di tornare con te. Se ti sei sentito o sentita bene quando te l’ha detto al telefono, non era per questo, visto che mentiva.
  2. Dopo aver scoperto dello scherzo, stai peggio di prima. Eppure non è cambiato nulla: l’amore era finito e stavi male esattamente come adesso. Per quale motivo ora è peggio?

A fare la differenza è ciò che pensiamo.

Per ora non voglio aggiungere altro.

Hai capito che la sofferenza è legata alla tua felicità. Tra poco approfondiamo questo punto.

Ora voglio però mostrarti cosa puoi fare, concretamente e subito,

 

Come affrontare il dolore quando si presenta

Come affrontare il dolore

Finora ho cercato di farti capire le motivazioni reali per cui stai soffrendo.

Ora però come fare quando ti senti male, quando affiora la sofferenza per la situazione che stai vivendo?

Ti suggerisco dei rimedi immediati, che devi usare appena senti questo dolore salire dentro di te.

All’inizio sarà difficile, ma più lo fai e prendi pratica, più diventa semplice ed efficace.

L’obiettivo è gestire questa sofferenza, e dopo averti mostrato come farlo, ti spiego come eliminarla per sempre.

Procediamo!

 

Vedo positivo

Questo è un esercizio che ritengo potentissimo.

Ogni volta che lo propongo le persone ottengono risultati meravigliosi in pochi giorni.

A volte anche il giorno stesso.

Però ti avviso che richiede impegno.

L’esercizio è semplicissimo: devi solamente scrivere tutte le cose positive che vedi intorno a te.

Fallo subito, per provare.

Guardati attorno e cerca qualcosa di bello, di positivo, di piacevole.

Il sorriso di una persona, un vestito in una vetrina, un profumo che ti ricorda la tua infanzia in modo positivo.

Vanno bene i dettagli, come una bella custodia del tuo cellulare, lo smalto delle unghie, le scarpe che indossi.

Puoi osservare un animale, sentire una musica piacevole, vedere una scena divertente.

Fermati adesso e scrivi (non tenerlo a mente, scrivilo!) tutto quello che di buono vedi attorno a te.

Appena finisci di fare questo elenco, prendi il tuo cellulare e punta una sveglia tra un paio d’ore.

Appena suona, ripeti l’esercizio ovunque ti trovi. E poi punta nuovamente la sveglia.

Inizia subito e fai questo lavoro ogni giorno, da quando ti alzi fino a che vai a dormire.

Fallo almeno per 7 giorni, una settimana intera. Ogni giorno, continuamente.

Ti assicuro che avrà un impatto fortissimo sulla tua vita.

Ti lascio un paio di consigli frutto della mia esperienza:

  1. Scrivi tutto quello che vedi, non solo un paio di cose, fai elenchi lunghissimi.
  2. Se non vedi subito qualcosa di positivo, sforzati, cercalo, costringiti a trovarne sempre.
  3. Ripeti l’esercizio tante volte, più lo fai, più velocemente vedrai risultati eccezionali sul tuo umore.
  4. Ripetilo anche se ti trovi negli stessi posti: cerca cose sempre nuove.
  5. Coinvolgi altre persone al suono della sveglia: sarà più divertente e piacevole.

 

Meglio prevenire

Anche questo è un esercizio molto utile e molto semplice.

Quello che devi fare è scrivere le situazioni in cui stai peggio.

Quando ti senti più male?

  • Appena ti alzi? Quando vai a dormire?
  • Quando guardi la televisione? Se entri in un certo negozio o ristorante?
  • Quando parli con un amico in comune?
  • A pranzo o a cena o colazione?
  • Se senti una certa canzone?

Fai questo elenco, scrivi subito tutte le situazioni a rischio in cui la sofferenza diventa insopportabile.

A questo punto devi solo stabilire dei rimedi da adottare in queste situazioni per allontanarla.

Devono essere cosa capaci di distrarti, semplici da fare, che non richiedano l’aiuto di nessuno.

L’ideale, poi, è scegliere soprattutto rimedi che puoi utilizzare sempre, ovunque ti trovi. Ecco qualche esempio:

  • Cantare ad alta voce, canzoni di cui consoci bene il testo e che abbiano un significato positivo.
  • Parlare ad alta voce, anche se lo fai da solo, o da sola.
  • Pregare ad alta voce.
  • Contare, ma calcoli complicati 8addizioni, sottrazioni).
  • Cercare le cose colorate, o forme particolari (cerchi, quadrati).
  • Ballare, con o senza musica.
  • Guardare un film divertente o comico.
  • Fare l’esercizio “Vedo positivo”, funzionerà a meraviglia.
  • Leggere ad alta voce.

I rimedi funzionano se sono qualcosa che cattura la tua attenzione. Se mentre leggi torni a pensare alla vostra relazione, non funzionerà.

Se ballando ti torna in mente dove ballavate assieme, non funzionerà.

Inoltre ti consiglio di prepararti. Se vuoi utilizzare della musica, tienila già pronta nel cellulare, in un cd o nel tuo telefono. Creati una playlist per queste situazioni.

Lo stesso vale per i film: non andarli a cercare all’ultimo, tieni tutto già pronto.

Per questo ho creato per te una selezione di video divertenti che ti aiuteranno a distrarti. L’ho intitolata Ridere fa bene all’anima.

Ecco qualche consiglio per ottenere subito ottimi risultati da questo esercizio:

  1. Scrivi subito le situazioni a rischio e fai un elenco di possibili rimedi.
  2. Associa a ogni situazione un rimedio, quello migliore in base a dove sei e cosa stai facendo.
  3. Fai in modo che tutto sia pronto e facile da fare.
  4. Applica sempre i rimedi a tutte le situazioni a rischio.

L’efficacia sta nella preparazione.

Agisci subito, crea il tuo elenco di azioni efficaci, tienile tutte pronte e porta con te la lista per non rimanere mai a corto di idee.

E guarda questo video in cui lo spiego dettagliatamente:

 

Questo ti darà anche maggiore sicurezza nell’affrontare le situazioni a rischio.

Questi sono 2 modi di affrontare subito le tristezza e il dolore che provi.

Nessuna è una soluzione. Sono però ottimi antidolorifici.

Per esperienza mi rendo conto che a volte è difficile metterli in pratica.

Tu provaci e se hai difficoltà o ti sembra che non funzionino, dimmelo subito.

Lascia un commento e ti aiuterò a trovare il modo di gestire questa sofferenza.

Per risolvere il problema ed eliminare le emozioni negative che ti fanno stare male però, c’è l’ultima parte di questa guida.

 

 

Come eliminare per sempre la sofferenza

Cos'è la felicità

Ti ho spiegato cosa fare, subito, per gestire le emozioni negative che ti fanno stare male.

Adesso ti spiego le 3 strade che ti suggerisco di seguire per una trasformazione profonda e definitiva.

Il mio obiettivo è aiutarti a cambiare vita per essere felice.

Anche se oggi questo ti sembra un obiettivo irrealizzabile.

Segui i consigli che ti darò, insieme agli esercizi che ti ho appena mostrato, e vedrai che cambierai ogni cosa.

 

1. Imparare a essere felice

Tutti vogliamo essere felici.

Lo so, l’ho scritto un sacco di volte, ma è davvero importante capirlo.

Se tu impari a essere felice, sempre, qualsiasi cosa accada, nulla ti potrà più fare stare male.

Ovviamente questo sembra impossibile. Ma ho scritto sembra.

Voglio che tu legga subito un approfondimento che ho scritto per spiegarti cos’è la felicità e come farla entrare stabilmente nella tua vita.

Capire questo è davvero fondamentale.

Ricorda che tutti noi vogliamo essere felici.

Se la tua felicità dipende da qualcuno, soffrirai sempre se questa persona prende strade diverse.

Ovviamente non puoi imporre agli altri di amarti. Ma puoi imparare a essere felice.

A questo punto è indispensabile mostrarti una guida pratica che ho realizzato proprio per questo scopo.

Ti spiego come essere sempre felici.

Passiamo alla seconda strada.

 

2. Imparare ad amare

Prima ti ho spiegato che abbiamo bisogno di un senso per agire.

Le cose che non ne hanno le lasciamo perdere, ed è ovvio che sia così.

Cosa da senso alla nostra vita?

Ti mostro alcune possibili risposte:

  • Una persona speciale che ci ami.
  • I nostri amici più stretti.
  • Il nostro lavoro
  • Le nostre passioni o i nostri sogni.
  • La famiglia, i figli.
  • Il potere e il successo.
  • Il denaro.

Tutte risposte sbagliate.

Ricordalo: ha senso quel che può renderci felici.

Nessuna di queste risposte ha questo potere, e sai perché?

Perché la felicità è un’emozione e dipende da te, non da cosa ti accade.

Ti dirò di più: nulla di quello che succede o fanno gli altri crea le tue emozioni. Mai.

Ne avevamo parlato prima, quando ti ho spiegato che soffri per quello che pensi.

Adesso andiamo al sodo.

Per prima cosa ti mostro un video. Dura solo pochi minuti, ma li vale tutti.

 

Ho realizzato una guida che ti spiega come gestire le emozioni negative e trasformarle in positive.

Non ho scritto “reprimere” o “controllare”, ma trasformare.

Ti insegnerò quello che ho imparato io: come lasciare andare le emozioni negative.

Non vorresti stare sempre bene? Provare sempre gioia o serenità? Essere felice?

Segui la guida, ti spiega come farlo, in modo concreto, e alla fine ti offre un seminario di oltre 4 ore, ricco di esercizi.

Anche questa risorsa è importantissima. Usala subito.

Il concetto di base è che a renderci felici è quello che pensiamo.

Amare è lo scopo finale.

I tuoi pensieri, e quindi le emozioni, devono permetterti di amare.

Quando arrivi a tanto, sei sempre felice.

La logica è semplice: più ami senza condizioni, più sei felice.

Prima di tutto ti consiglio un approfondimento sull’amore incondizionato, giusto per intenderci bene quando uso questa espressione.

Poi, giusto per non farti mancare nulla, ti segnalo un’altra guida pratica che vuole spiegarti come imparare ad amare.

Anche se pochi lo ammettono, amare è qualcosa che si impara e non un semplice sentimento che capita di provare.

Lo chiarisco bene in un approfondimento in cui ti spiego cosa significa amare. Ne discutiamo e ti faccio riflettere su quello che ho imparato sulla mia pelle, negli ultimi anni.

La guida non ha la pretesa di insegnarti ad amare.

Voglio condividere con te come io imparo ogni giorno, cosa faccio per migliorarmi e cosa ho scoperto, sull’amore, facendone una priorità nella mia vita.

Se ami sei felice. Fine della storia.

Se elimini le emozioni negative e provi quelle positive, puoi amare, e sei felice.

Se sei felice, smetti di soffrire e torni a vivere.

Non è quello che desideri?

Ultimo elemento.

 

3. Trovare il senso della tua vita

Questo ricollega un po’ tutto.

Le azioni che ti ho consigliato per gestire il dolore che senti, sono semplici e immediate.

Chiamiamole pure una sorta di pronto soccorso emotivo per i momenti difficili.

Capire come funzionano le emozioni, come essere felice, scoprire cose che non conoscevi, è un processo, non un consiglio.

Devi lavorare per dare un senso alla tua vita.

Perché sei qui? Che senso ha la tua presenza?

Ma soprattutto, ecco le domande che devi porti e a cui devi dare una risposta, che sia solo tua.

  • In cosa farai la differenza, e come?
  • Aver vissuto sarà servito per quale ragione?
  • Cosa avrai dato per migliorare il mondo in cui stai vivendo?
  • Per quale motivo le persone ringrazieranno di averti conosciuto?

Domande forti e difficili.

Non devi dare una risposta adesso. Devi però iniziare a cercarla.

Ti do un indizio: amore.

E te ne do anche un secondo: non esiste solo quello che puoi vedere. Che ruolo ha la spiritualità nella tua vita?

Ti ho spiegato sin dall’inizio che vogliamo tutti essere felici.

Io ho imparato tanto sulla psicologia della mente, sulle abitudini, sulle emozioni.

So come migliorare l’autostima o trovare una soluzione a un problema, conosco tecniche ed esercizi efficaci.

Ma sai cosa ha davvero trasformato la mia vita e mi permette ogni giorno di essere felice? La fede.

Imparare a comprendere il senso vero e profondo della nostra esistenza. Il perché siamo qui.

  • Cosa mi renderà sempre felice?
  • Cosa mi darà la forza per affrontare problemi e difficoltà?
  • Cosa mi renderà invulnerabile alla sofferenza?

La fede.

Io non parlo di religione. Leggi quello che ho scoperto sulla spiritualità, ti aiuterà a capire meglio.

 

Tutte le risorse che ti ho suggerito vogliono aiutarti a liberarti di condizionamenti e paure per trovare queste risposte.

Una volta che le avrai, potrai davvero metterle in pratica, e lì sì che ci sarà da divertirsi!

Inizi a seguire tutti i consigli, gli esercizi e le guide che ti ho segnalato.

Agisci, perché non c’è altro modo di cambiare e tornare a vivere dopo una fase di sofferenza e dolore.

Ricordalo, non soffri perché un amore è finito.

Soffri perché non hai trovato il senso del tuo vivere, perché non hai imparato a creare felicità dentro di te.

L’amore che finisce è come una sveglia, ti dice: “Hey, stai sbagliando qualcosa, lo capisci?!”.

Ho cercato di fartelo capire, così come l’ho capito io in prima persona qualche anno fa.

So cosa significa perdere una persona importante, sentirsi rifiutati o respinti.

Anche io ho visto relazioni finire e sono stato male per questo.

Ma poi ho capito, e la mia vita è completamente cambiata. Si può essere sempre felici, te lo assicuro.

Ora, tocca a te.

Se vuoi una mano, un consiglio, o hai dubbi o non condividi qualcosa, parliamone. Lascia un commento.

Li leggo tutti, personalmente, e sarò felice di conoscerti e confrontarci.


5 Verità sulla tua vita

Ci sono 5 verità che ti riguardano da vicino e che in questo momento stanno decidendo chi sei, se sei felice, perché hai trovato il mio sito.
In 5 semplici domande ti aiuterò a scoprirle, capirle e dominarle.

Fai subito il test ⇓

Giacomo Papasidero
 

Mental Coach dal 2010, mi occupo di felicità ed emozioni da oltre 10 anni. Il mio obiettivo è insegnare che ognuno di noi può diventare più forte di qualsiasi problema. Questo per me significa diventare felici.Anche se ho tenuto un seminario all'Università di Parma e sono stato ospite a SKyTg24, la cosa di cui vado più fiero è la Scuola di Indipendenza Emotiva che ho avviato nel 2018, perché è un percorso chiaro, graduale e concreto che sta rivoluzionando la vita di tante persone.

690
Lascia un commento

avatar
278 Commenti con discussione
412 Risposte nelle discussioni
2 Seguono questa pagina
 
Commenti più recenti
Discussioni più vive
301 Partecipanti alla discussione
Giacomo PapasideroANNAImmaAgataAnna Ultimi che hanno commentato
  Ricevi aggiornamenti  
Notificami
ANNA
Ospite
ANNA

Ciao Giacomo,
grazie per i consigli. Vivo un momento difficilissimo, un matrimonio finito, un figlio piccolo che nell’ultimo anno ha avuto dei problemi di salute. La mia vita stenta a riprendere sul binario giusto, il primo anno dopo la separazione è stato più facile di quello che pensavo, sono rinata e mi sentivo bene, mi prendevo cura di me e mi dedicavo a mio figlio. Poi ho incontrato quest’uomo, una vecchia conoscenza, ci siamo agganciati subito, empatia, feeling.. sua moglie è morta 7 anni fa, ma ha una nuova compagna che però dopo 11 mesi di convivenza ha deciso di tornare in Inghilterra (si era trasferita per “provare” a vivere con lui). Lui sta vivendo una profonda crisi, come se nuovamente sentisse il senso di abbandono dato dalla morte della moglie. Ci siamo allontanati e riavvicinati 3 volte, nell’ultimo mese gli sono stata vicino perché era veramente a pezzi. Alla fine all’ennesimo discorso: “sei speciale, ti voglio bene, so che potresti darmi tutto quello di cui ho bisogno, so che i consigli che mi dai me li dai perché mi vuoi proteggere, mi basta sentire la tua voce per stare bene….MA non sento quella cosa…. e non so se non la sentirò mai o forse la sento ma non riesco a riconoscerla perché devo risolvere con la mia compagna in un modo o nell’altro”. Gli ho detto di sistemare la sua vita e di farsi risentire solo ed esclusivamente quando e se sentirà di poterci dare una possibilità. In ogni altro caso la nostra frequentazione è terminata.
Nonostante sappia di aver preso la decisione giusta, sto facendo davvero fatica, non credevo di stare così male… paradossalmente vorrei che tornasse, ma ho paura che non lo farà perché non sente “quella cosa” e non trovo una spiegazione per tutto quello che è stato detto in questi mesi. Tutta questa lungaggine solo perché l’unica cosa che vorrei ora è trovare il sistema di sentirmi meglio e riprendere il controllo della mia vita, cosa che al momento l’ansia che mi ha presa non mi lascia stare un attimo. Consigli, idee e suggerimenti sono ben accetti (sto già cercando di fare le cose che mi piacciono, provo a uscire e relazionarmi con gli altri, ma non mi sento bene per niente)
grazie mille e scusa sono stata prolissa
Anna

Imma
Ospite
Imma

Ciao Giacomo vivo una relazione altalenante da tempo, non posso dilungarmi nei particolari,sarebbe per me troppo complicato spiegarti, ho 4 figli da due matrimoni diversi, e devo cominciare a costruire la mia vita ferma al tempo dei miei,18 anni quando ebbi il mio primo figlio(tra pochi giorni ne compio 37)sono molto stanca e molto delusa da me stessa e da quello che fino ad ora ho cercato mi sento monca in tante cose.Per me l’amore tra gli esseri umani non esiste siamo illusi ed egoisti.Ho letto a metà il tuo libro mi sono fermata per un po ma le mail le leggo e le scrutò analizzandole anche più volte al giorno, tutto stupendo, bellissimo,un sogno,AMARE senza chiedere o aspettarsi nulla in cambio.Credo che solo Uno abbia avuto questo dono e come lui pochi prescelti….tu fai un opera buona e sei da ammirare.Sono incuriosita ma allo stesso tempo bloccata nel credere sia realizzabile per me intendo ovvio.Sono spesso arrabiata con la mia situazione mi sento in una gabbia d ‘oro come cita un cantante e ormai non ho più stimoli nonostante abbia 4 figli a cui badare casa e un compagno,ogni tanto aiuto un po nella sua libreria ma nulla di quello che faccio mi da gioia.Penso che finirò così senza aver mai realizzato nulla e che tanto i figli un giorno avranno le loro cose la loro vita e addio Mamma.

Agata
Ospite
Agata

buongiorno ho appena letto, mi sento giu dopo 4 anni aver buttato in aria il mio matrimonio, tradcurato i figli e me, fatto pazzie per lui, dice di non amarmi ed io ho il cuore e l’anima lacerati.
com’è possibile? non è giusto

Anna
Ospite
Anna

Ciao Giacomo, mi ritrovo dopo 10 anni di relazione di alti e troppi bassi, io che lo allontanavo per ogni cosa e lui mi ha lasciato perché non mi ama più a forza di litigare. Il nostro rappoto era di dipendenza affettiva secondo me. Ma io non me ne faccio una ragione, vorrei e voglio solo lui. Non riesco a vivere.. non so come fare a vivere senza di lui.. Capisco che devo ripartire da me, indipendenza affettiva, volere bene a se stessi in primis, … Ma io non riesco a pensare di non poter vivere senza di lui.. Non so proprio come fare.. Sono disperata e pentita per come mi sono comportata, ci sto lavorando ma è dura andare avanti.. lui non mi ama più e io non vivo più. Vorrei solo che tornasse da me.. Come faccio? Grazie

alessandro marchetti
Studente
alessandro marchetti

Ciao,ieri per l’ennesima volta ho tentato di chiudere una relazione,è stata intensa a dire poco, ma piano piano è diventata una tortura, non mi sento a mio agio, ma il fatto che mi amasse è diventato una necessità,quando la lascio mi aspetto che mi cerchi, non lo fa e tento di recuperare,ora non risponde più e penso sia la fine, vorrei dimenticare ma resisto poco poi sprofondo

Simona
Ospite
Simona

Salve,ho concluso una convivenza 20 giorni fa’.Lui mi ha lasciata dicendomi che non è più innamorato non provava più nulla già un anno fa’.Nella relazione ho dato più io,gli ho fatto da mamma,psicologa sempre disponibile per farlo felice.Adesso ho tanta rabbia e mi capita spesso di avere attacchi di panico e forti mal di pancia dovuti al nervoso. Il mio grosso problema è andare a prendere tutte le mie cose a casa perché ogni volta che entro sto malissimo. La ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità e per l’ascolto. Simona

Consuelo Cecchini
Ospite
Consuelo Cecchini

Ciao sono Consuelo, lui mi ha lasciata da due anni e da due anni soffro come il primo giorno… le ho provate di tutte, ma non ci sono riuscita a dimenticarlo perchè in realtà spero ritorni e non accetto il contrario…il perché che te lo sto a dire lo sai meglio di me, di perchè ce ne sono tanti…ora provo il primo esercizio quello della sveglia…l’altro lo trovo ancora più difficile…spero di non fallire questo esercizio, comunque di cose ne dici tante ed è difficile stare dietro a tutto in una volta…io per ora mi fermo quì a questo esercizio, ho provato a proseguire nella lettura ma tutto in una volta è troppo per me…grazie per quello che fai… 🙂

Mioara
Ospite
Mioara

Convivo con un uomo che chatta con me(non sapendo che sono io) e che racconta che non mi ama che mi usa solo per avere soldi per vivere… Non posso riverarli che sono io la persona con chi chatta per paura di perderlo. Sto troppo male

pino
Ospite
pino

sto molto male, problema sentimentale con due donne 😅

Gio19
Studente
Gio19

Ciao Giacomo! Stavo leggendo i commenti alla pagina e ho posto attenzione sul fatto che quasi tutte le persone che vengono tradite, lasciate e si trovano in stato di sofferenza in seguito ad una relazione andata male sono donne. Secondo te perchè? Mi incuriosisce conoscere la tua risposta a riguardo. Grazie 🙂