Come farsi rispettare senza mancare di rispetto agli altri

Oggi voglio parlarti di rispetto, perché spesso mi chiedono come farsi rispettare senza pretendere rispetto, o senza smettere di amare.

Molte volte sembra che farsi rispettare sia impossibile se vogliamo amare in modo incondizionato, oppure se vogliamo essere sempre cortesi e gentili.

Oggi ti spiego come risolvere questo problema, e coniugare il rispetto che possiamo ottenere dagli altri con la nostra capacità di amare, non lasciandoci mai condizionare dai comportamenti altrui.

Possibile fidati, iniziamo subito!

Diamante, pietra o sasso?
Scopri come ti vedi, misura la tua autostima con il test per Diventarefelici. Scoprilo subito ⇒

 

Parliamo di rispetto, ma vogliamo solo l’ipocrisia!

Come farsi rispettare

Poiché parliamo di rispetto, come prima cosa dobbiamo capire di cosa si tratta esattamente.

Prendo in prestito le parole giuste dal libro di Fromm, L‘arte di amare (libro che dovresti leggere subito, è fantastico!).

 

[…] esso denota, nel vero senso della parola (respicere = guardare), la capacità di vedere una persona com’è, di conoscerne la vera individualità.

Rispetto significa desiderare che l’altra persona cresca e si sviluppi per quello che è.

 

In sostanza il rispetto è un atto d’amore, secondo me, è la scelta, la volontà, di comprendere l’altro di accettarlo e volerlo capire per ciò che è, senza ad esempio mettere etichette.

Ecco dove sta il vero problema: farsi rispettare significa indurre gli altri a volerci amare per ciò che siamo.

Non dipende da me il tuo rispetto, in verità io non posso fare nulla perché tu mi rispetti.

È una tua scelta, dipende da te e quando mi illudo di poter ottenere il tuo rispetto per quello che faccio, finisco in una trappola.

Quella delle pretese.

Ti riporto un passo del mio libro, Indipendenza Emotiva, Imparare a essere felici, che guarda caso fa del rispetto un esempio di cosa succede quando pretendiamo qualcosa da qualcuno.

 

Una pretesa è qualcosa di cui hai bisogno perché è davvero indispensabile per la tua felicità. Facendo un esempio molto semplice: se le tue regole ti dicono che per essere felice devi ricevere il mio rispetto, allora inizierai a pretendere questo da me.

Il motivo è logico: hai bisogno che io ti rispetti per essere felice. La pretesa scatta ogni volta che devi ottenere qualcosa per raggiungere un obiettivo. Ogni pretesa punta sempre alla felicità.

 

Se ti chiedi come ottenere il rispetto degli altri c’è un motivo. A che ti serve questo rispetto? Che te ne fai, perché lo desideri?

Ora la domanda diventa più seria: ti importa del rispetto di un uomo che vive dall’altra parte del mondo e che non consoci, non hai mai visto e forse non incontrerai mai?

Io dico che non ti interessa.

Allora la domanda è: vuoi sapere come farti rispettare, perché?

Il punto chiave è che tu attribuisci al rispetto degli altri, di alcune persone, magari di chi conta per te o di chi incontri nella tua quotidianità, il potere di renderti felice.

O almeno di poter incidere nel tuo benessere.

Probabilmente se ti mancassi di rispetto, questo ti farebbe reagire male, proveresti emozioni negative (rabbia, delusione, insicurezza, senso di inferiorità?) che non vuoi vivere.

Tu hai bisogno del mio rispetto? Allora pretenderai di averlo e ti chiederai come farsi rispettare dagli altri.

Ma come abbiamo visto il rispetto che ti do non dipende da te, è una mia scelta. Pretendere che gli altri compiano questa scelta porta a delle precise conseguenze.

 

Non puoi scegliere cosa farò, se ti darò rispetto come desideri oppure no, però lo pretendi perché ne hai bisogno, o meglio, visto quello che ti ho spiegato finora, pensi di averne. Inoltre considera anche una cosa molto importante: a te non basta che io ti rispetti, perché la tua felicità, in quanto emozione, non dipende da cosa faccio realmente, da cosa accade.

Tu hai bisogno che io ti mostri questo rispetto nel modo che tu ritieni opportuno. Magari potrei avere un sincero rispetto per te, ma se lo manifesto in una maniera che ai tuoi occhi non significa molto, tu non ti sentirai comunque rispettato, non sarai felice per questo e continuerai a pretendere da me qualcosa.

Il problema è che non ti basta ricevere rispetto, amore, ascolto, importanza e tutto quello che possiamo chiedere agli altri: devi riceverlo in un certo modo, esattamente come dici tu.

 

Tu hai delle regole che definiscono cosa sia il rispetto. Magari non coincidono con il concetto di amore e la capacità di osservare e rispettare l’altro per quello che è.

Pensa a tutti coloro che vogliono certi atteggiamenti: davanti sono gentili, dietro parlo male di te, ma a te interessa che io mi comporti bene quando ci sei.

Rispetto o ipocrisia?

Per te rispetto è che venga a trovarti il giorno del tuo compleanno?

Allora vorrai questo, anche se non ti rispetto davvero, se non ti considero una persona speciale, a te non importa davvero cosa penso, ma cosa faccio.

E non pensare che serva a qualcosa. Leggiamo ancora un ultimo pezzo del mio libro.

 

Anche dopo che ti ho dimostrato il mio rispetto, non hai nessuna certezza che continuerò a comportarmi in questo modo. Hai ricevuto le attenzioni dai tuoi amici ma niente può assicurarti che durino per sempre.

Ogni pretesa potrebbe essere delusa a un certo punto, le persone cambiano e smettono di fare ciò che tu chiedi loro. Ogni piccolo segnale che qualcosa stia cambiando, anche il più fragile degli indizi che ti faccia capire che potresti perdere ciò che pretendi, innesca sempre emozioni negative

 

Avremo altre occasioni per approfondire il tema delle pretese, ma nel libro è tutto chiaro e ti spiego come diventare felice eliminandole e liberandoti di qualsiasi emozione negativa.

Se le parti che ti ho suggerito ti hanno incuriosito,puoi scoprire di più su “Indipendenza Emotiva” ⇒

Osservati intorno, guarda te stesso, o te stessa, e ti renderai conto, se ti decidi ad aprire gli occhi, che il rispetto che vuoi ottenere, che tutti desiderano, è ipocrisia formale fatta di gesti e apparenza.

Il rispetto è andare a un funerale a dare le condoglianze?

Che serve se per anni ho parlato male di te e della tua famiglia?

Queste dimostrazioni ridicole e superficiali non sono rispetto, sono abitudini, ipocrisia.

Tu vuoi che gli altri ti rispettino o che si comportino secondo tradizioni, cliché consolidati e modi di fare?

Vado oltre, perché a me non interessa darti un pesce, voglio insegnarti a pescare: a te interessa il mio rispetto, o quello che penseranno tutti gli altri se non lo dimostro come si fa di solito?

Il problema è se io ti amo davvero, se davvero ti considero speciale, o se faccio quello che tutti approvano e non ti manco di rispetto davanti a loro?

Dove sta il problema: in quello che penso io di te o in cosa penseranno gli altri, tutti gli altri, se non ti dimostro il rispetto formale che tu, e tutti gli altri, ti aspetti?

Giudizio degli altri, paura, dipendenza emotiva.

Il rispetto non è un gesto formale e di cortesia, di facciata, volto a mantenere un modo di vivere ipocrita.

Se cerchi questo, non hai capito niente.

Non hai capito che per diventare felici non ti serve questa finzione ipocrita, non ti serve nemmeno che gli altri ti amino realmente.

Per diventare felici devi eliminare le pretese e amare. Leggiti la guida in cui spiego come essere felici. C’è tutto e molto altro.

Noi però torniamo al tema centrale: partendo dal vero rispetto, come farsi rispettare dagli altri in modo autentico?

Te lo spiego subito 😉


Ti piace quello che stai leggendo? lo trovi utile?
Allora condividilo con gli altri per farlo leggere anche a loro!

 

Come farsi rispettare: niente imposizione!

Nessuna imposizione

Non otterrai mai rispetto se alzi la voce perché gli altri facciano come dici.

Se alzo la voce con un bambino, lui non imparerà mai a rispettarmi, ma a temermi. Cavolo, se pensi che rispetto e paura siano simili ti sbagli di grosso 😉

Se ti rispetto, come visto, vuol dire che ti amo, vedo chi sei, apprezzo la tua unicità e voglio che tu sia la versione perfetta di te stesso, o di te stessa.

Se ho paura non penso affatto queste cose.

Se alzi la voce otterrai ubbidienza ma non rispetto. Le persone faranno come dici (ipocrisia quindi!) per evitare le conseguenze negative che tu puoi imporre.

Puoi punirmi?

Allora farò come dici, ma non perché ti rispetto, solo perché ho paura.

Questo significa che otterrai quello che desideri solo a patto che ci siano alcune condizioni:

  1. Tu devi potermi punire, devi essere presente o almeno venire a sapere cosa faccio. Altrimenti la paura non regge.
  2. Tu devi controllarmi, perché se non puoi farlo, e non puoi punirmi, farò come voglio, non quello che desideri tu.
  3. Devi avere il potere di punirmi, devi essere più forte di me e devi mantenere per sempre questa condizione. Quando verrà meno mi ribellerò, e saranno dolori 😉

Se usi la forza, che sia minacciare punizioni o alzare la voce, usare le mani e la violenza fisica, non otterrai mai davvero rispetto dagli altri.

Puoi costringermi ad amarti? Puoi impormi amore e comprensione verso di te?

No, non puoi ottenere il rispetto con la paura e la forza.

Agire così è un modo per spingere, o costringere, gli altri a fare come vuoi, ma questo meccanismo è un’arma a doppio taglio perché, come detto, crea malcontento e ribellione.

Imponiti su un bambino: otterrai bugie (per evitare le punizioni oppure ottenere i premi) e falsità (davanti si comporta bene, dietro parla male di te che sei un tiranno, o una tiranna!).

Inoltre, appena vedrà che non hai più la forza di controllarlo (e succederà, fidati!), i ruoli potrebbero invertirsi, o semplicemente perderai ogni potere.

Vedo spesso figli che trattano tanto male i propri genitori quanto loro sono stati trattati da piccoli. Forse quel padre, o quella madre, si illudeva di avere il loro rispetto quando ubbidivano.

Ti dice niente questo?

Te lo ripeto: non puoi pretendere il rispetto degli altri, non puoi imporre l’amore, l’unica cosa che puoi fare, e con cui concludiamo questa guida, è renderti amabile e rispettabile 😉

 

Come ottenere il rispetto degli altri senza chiederlo

Amore incondizionato

Il rispetto è la capacità di osservare chi sono gli altri veramente.

Vuoi che ti rispetti? Mostrami chi sei.

Certo, potrebbe non bastare perché rispettarti è una scelta che dipende da me, sono io che devo decidere di amarti davvero.

Non puoi impormi il rispetto, puoi darmi l’occasione, però, di comprendere chi sei, vedere la tua unicità, darmi modo di amarti per ciò che sei realmente.

Sii coerente, dunque, fai le cose che dici, agisci seguendo ciò in cui credi davvero.

Ama in prima persona.

Vuoi rispetto dagli altri?

Allora rispetta, non se ti rispettano, ma a prescindere.

L’errore più grande che commettiamo è quello di desiderare le cose che per primi neghiamo agli altri.

Vuoi insegnare il rispetto a un bambino? Rispettalo.

Vuoi insegnargli l’onesta? Sii onesto, o onesta, con lui.

Come possiamo essere così sciocchi e ciechi da pensare che con la paura insegneremo il rispetto? Se mostri violenza per ottenere gentilezza, stai mostrando violenza.

Ognuno di noi, non solo da bambini, impara da quel che vede, non dalle teorie e dai concetti astratti.

L’amore è traducibile in una meravigliosa frase, universale e senza tempo: fai quello che vorresti ricevere.

Pensare di rispettare chi ti rispetta è un tremendo inganno: non stai rispettando davvero gli altri, ma tieni certi comportamenti (ipocriti per lo più) con chi fa altrettanto con te.

È una presa in giro collettiva, reciproca, senza senso, che tutti conosciamo e a cui sembriamo tanto folli da continuare ad adeguarci.

Te lo dico chiaramente: se mi rispetti solo a patto che io rispetti te, tu non mi stai rispettando affatto. Ma sembrerà così, almeno agli occhi degli altri.

Se rispettare vuol dire riconoscere la tua unicità, non puoi farlo se per te io non esisto ma sono solo una serie di azioni e comportamenti che vuoi ricevere.

Capire come farsi rispettare è impossibile senza lasciare andare questa superficiale ipocrisia, questa ricerca della forma, la convinzione che abbiamo bisogno del rispetto degli altri.

Se vuoi farti rispettare, fai ciò che ritieni giusto, dai sempre quello che vorresti ricevere anche, e forse soprattutto, a chi non lo darà mai a te.

Ama gli altri senza porre condizioni al tuo amore, rispetta le persone, non parlare male di loro né se presenti né se assenti. Non giudicare.

Tutto quello che ti piacerebbe ricevere tu dallo agli altri, senza badare cosa faranno loro, senza aspettarti e pretendere nulla.

Non cercare di importi e ottenere qualcosa con la forza: potrai raggiungere qualche risultato, ma durerà poco e non sarà mai niente di sincero, vero, profondo.

Per quanto siamo consapevoli dell’ipocrisia, cerchiamo di non vederla.

Apri gli occhi, non girare la testa, perché è la tua testa e sei tu che starai male nel continuare a ingannarti e pretendere che gli altri ti ingannino, senza esagerare 😉

Per farsi rispettare basta dare amore, rispetto, correttezza, onestà.

Non puoi impormi il rispetto, è una mia scelta, ma puoi darmi il tuo amore, il tuo rispetto, puoi offrirmi il meglio di chi sei e lasciarmi scegliere.

Se elimini ogni forma di controllo e imposizione sugli altri, se ami senza chiedere nulla, se dai rispetto perché tu lo scegli e non per come si comportano gli altri, avrai fatto il massimo per farti rispettare.

E ricorda, non puoi pretenderlo, o meglio non poi farlo se vuoi diventare felice 😉

Se vuoi un consiglio o solo esprimere cosa ne pensi di questa guida lasciami un commento, ti garantisco che rispetterò le tue idee e ti darò una mano per aiutarti a farti rispettare dagli altri.