Come superare gli attacchi di panico da soli (per sempre)

Molti si chiedono come superare gli attacchi di panico da soli e se davvero si possa far passare un attacco senza supporto di un professionista.

Su internet trovi molti rimedi che puntano di solito contro i sintomi dell’attacco per ritrovare calma.

In questo articolo ti spieghiamo cosa fare in caso di attacchi di panico per reagire in modo positivo (calmarsi rapidamente) e per eliminarli del tutto.

Non si tratta di teorie, ma dell’insegnamento dei nostri studenti che durante l’ansia che sfocia nel panico hanno imparato, da soli, a vincere queste crisi.

Iniziamo subito.

 

Come calmare un attacco di panico (anche in pochi secondi)

Come superare gli attacchi di panico da soli - Ragazza in panico per terra vicino a un muro

Quando si hanno attacchi di panico cosa fare diventa difficile definirlo con lucidità: il panico è una pessima condizione per pensare e scegliere.

La prima cosa da fare in caso di attacchi di panico me l’ha insegnata Filomena, una studentessa della nostra Scuola.

Lei aveva imparato a usare quella che noi chiamiamo “rete di protezione”. Serve per fermare i pensieri negativi e liberare la mente dal malessere.

Filomena mi ha scritto di aver capito come far passare un attacco di panico: usa la rete.

E addirittura in pochi secondi la sua mente si libera e torna lucida e calma. Un rimedio per gli attacchi di panico davvero inaspettato.

Nella nostra Scuola non lavoriamo sui disturbi di panico e scoprire che gli strumenti che usiamo per combattere l’ansia funzionano anche per il panico mi ha sorpreso.

Ti spiego come funziona, così potrai sfruttarla anche tu.

 

Cosa fare in caso di attacco di panico: rete di protezione!

La rete parte da un semplice presupposto: l’emozione che provi dipende da quello che pensi.

Questa si chiama indipendenza emotiva ed è la natura delle emozioni. Ansia, paura, stress, panico, funziona sempre così.

In effetti ricollego quanto ho letto sul sito di uno psicoterapeuta che spiega che l’attacco di panico non è una malattia, ma uno stato emotivo estremamente intenso e negativo.

Accettare l’ansia è quindi un punto di partenza essenziale.

In rete puoi trovare sugli attacchi di panico rimedi di vario tipo, tutti puntano a calmare la mente, ma pochi la rendono anche più forte, come avviene quando usi la nostra rete.

In questo breve video ti spiego alcuni degli strumenti che diamo ai nostri studenti. Gli altri, se ti servono, puoi trovarli nel nostro corso “Calmare la mente”.

Ora sai con gli attacchi di panico cosa fare nell’immediato: ferma la mente, perché sono i pensieri che portano al panico. Come?

 

Come calmare attacco di panico e ansia

Perché i rimedi per gli attacchi di panico sono proprio strumenti che fermano i pensieri?

Come detto il panico, spiegano gli specialisti, è un attacco d’ansia di eccezionale forza, così violento da fare pensare a chi lo vive di stare per morire.

L’ansia non è una malattia se non in rari casi. A spiegarlo è Allen Frances, psichiatra curatore del DSM, che indica intorno al 5% la percentuale di chi ha realmente una malattia mentale.

E spiega anche che se c’è un motivo di pericolo, non è mai patologico un attacco di panico.

Quasi tutti siamo sani, gli attacchi di panico, dicono gli esperti, non sono una patologia, per cui il punto è capire come funzionano le nostre emozioni.

Ansia, abbiamo detto. Provi ansia solo a 2 condizioni:

  1. Pensi che ci sia una minaccia.
  2. Pensi di non poterla gestire.

Questo lo approfondiamo meglio nell’ultima parte di questo articolo, dove ti spiego come un’altra nostra studentessa, Deborah, ha mostrato a tutti come superare gli attacchi di panico da soli.

Lei ha applicato alcuni passi che ti spiego e lo psicologo che la seguiva ha certificato che era guarita degli attacchi di panico, interrompendo la terapia.

L’ansia e il panico derivano sempre dai nostri pensieri, per questo la rete funziona sempre se la applichi (soprattutto l’esercizio della descrizione è molto potente).

Ecco cosa ha fatto Deborah.

 

Come superare gli attacchi di panico da soli (metodo testato dai nostri studenti)

attacchi di panico cosa fare - Uomo calmo con gli occhi chiusi

La prima cosa che ha capito è che non esistono attacchi di panico senza motivo. A volte non lo comprendiamo, ma c’è, sempre.

Per correttezza, ti riporto le sue esatte parole:

Due mesi di corso e riscontrare che non sono solo parole la descrizione della scuola di indipendenza emotiva, ma fatti riscontrabili giorno dopo giorno nella mia vita quotidiana.

Continuavo già 1 anno fa a fare ricerche sul web, io soffrivo proprio di attacchi di panico, seguita anche da uno psicologo e non riuscivo ad uscirne.

Poi casualmente leggo la presentazione dei corsi di Giacomo ma scettica come ero faccio solo il test ed accetto l’invio delle newsletter gratuite.

E li giorno dopo giorno comincio a notare che può esistere una soluzione, un modo di vivere concreto, diverso dal mio vedere solo negativo e farmi schiacciare dalle emozioni.

Non so più cosa sia un un attacco di panico, lo psicologo stesso mi ha confermato che potevo interrompere le sessioni.

I problemi esistono ma trovo sempre una soluzione… e questo è già un passo. La felicità esiste dipende davvero da noi, ho scelto di andarla a prendere… agendo, lavorando su me. – Deborah

 

Ecco i 4 elementi chiave che ha imparato nella nostra Scuola per riuscire a fare questo (ti ricordo che noi non lavoriamo sul panico).

 

1. Capire le tue emozioni

Debora dice che puoi vincere gli attacchi di panico se comprendi cosa provi.

Come detto, anche se quasi tutti pensano il contrario, le emozioni dipendono sempre e solo (esclusivamente) da cosa ognuno di noi pensa.

Molti cercano di capire come farsi passare l’ansia senza comprenderne la vera natura. Sentono un nodo in gola, bruciore al petto, tremore, tachicardia o tremori interni e nausea.

Tutti sintomi legati all’ansia che derivano da cosa pensano.

Perché vengono gli attacchi di panico?
Perché la minaccia che percepisci e grande e altrettanto grande è la paura.

Quanto durano gli attacchi di panico?
Da pochi minuti fino, normalmente, a una mezzora dicono gli esperti.

Si può morire di attacchi di panico?
No, tutti gli specialisti concordano che non c’è alcun pericolo di vita.

Puoi farti e fare altre mille domande, ma se comprendi che tutto parte dalle tue emozioni, allora sai da dove cominciare (come ha fatto Deborah).

Le emozioni dipendono da cosa pensi e se provi ansia e paura (da cui poi si arriva al panico) questo dipende dai nostri bisogni fondamentali.

Il modo migliore per comprendere le tue emozioni e cominciare ad averne il controllo è scrivere il diario emotivo.

Strumento che Deborah ha usato sin dal primo giorno nella nostra Scuola.

 

2. Rete di protezione

Di questa ne abbiamo parlato prima. Si tratta di uno strumento che forniamo subito ai nostri studenti per poter calmare la propria mente in pochi secondi.

Se l’ansia porta al panico, e l’ansia deriva dai pensieri, ferma loro e non arrivi al panico.

Logico e ovvio, non ti pare?
E anche molto semplice.

Usa gli esercizi che ti ho insegnato nel video e allena la rete, perché è una capacità preziosa.

Considera che il vero segreto sta nella tua concentrazione.

La mente è un muscolo: qualsiasi rimedio per attacchi di panico o ansia cerchi non funziona se la tua mente non è forte.

 

3. Leve della sofferenza (e leggi della felicità)

Altra cosa che Deborah ha imparato sono le 6 leve della sofferenza, ossia cosa crea pensieri negativi nella nostra mente.

Spesso questo avviene a livello inconscio.

Credo sia stato essenziale per capire come superare gli attacchi di panico da soli. Infatti un conto è calmarti, un conto è non averne più.

Diversi studenti dicono di averli eliminati. Non certo solo per la rete.

Io penso che sia stato comprendere come si generano i pensieri negativi e le nostre paure una chiave essenziale.

In questo video ti spiego quali sono e come riconoscerle. l’ho tratto da uno dei nostri corsi brevi, chiamato “Liberare la mente”.

In effetti racchiude tutti e 4 i punti che anche Deborah ha messo in atto e che ti sto spiegando. Guardalo con MOLTA attenzione.

Se comprendi come la mente va verso la sofferenza, l’ansia, la paura (e da qui può salire fino al panico), hai poi il potere di gestire questi pensieri e non arrivare a quei picchi di malessere.

Ma il miglior modo per capire come farsi passare l’ansia è applicare le 10 leggi psicologiche della felicità, diametralmente opposte, come puoi intuire, alle leve della sofferenza.

Contro gli attacchi di panico non credo ci sia niente di meglio.

Ti condivido un altro breve estratto dal corso “Liberare la mente”, per spiegarti quali sono queste leggi.

Non credo ci sia miglior farmaco per curare gli attacchi di panico di una mente forte capace di affrontare qualsiasi situazione senza mai la paura di non farcela.

Ti ricordo una frase fondamentale scritta da Deborah, che mi serve per introdurti il quarto elemento che le ha cambiato la vita.

 

4. Atteggiamento mentale

Deborah scrive: “I problemi esistono ma trovo sempre una soluzione…” Questo è forse il punto cruciale.

Come mai andiamo nel panico?

Quando pensi di trovarti di fronte (ansia anticipatoria) a qualcosa di negativo, hai paura che succeda qualcosa di brutto, anzi, qualcosa di disastroso, irreversibile, devastante.

Se il panico è la forma estrema dell’ansia (che altro non è che paura), significa che tu vivi quello che sta per accadere come una minaccia devastante.

E per te insostenibile.
Il panico è la perdita di fiducia in se stessi, la sensazione che sia “la fine”.

Spesso associato a una forte angoscia.

Ma se tu sapessi di poter affrontare tutto?
Se tu avessi la certezza di poter superare quel momento e di poterlo fare in modo positivo?

Credere in se stessi.

Se tu credi di farcela, allora non c’è panico.
MAI.

Il quarto elemento riguarda l’atteggiamento, e ti offro la metafora che apre il percorso che Deborah ha seguito per scoprire come superare gli attacchi di panico da coli.

Oggi quel eprcorso lo chiamiamo Felicità², e ho tratto il video che ti spiega con che atteggiamento puoi affrontare tutto, e vincere la paura, OGNI paura.

Questi sono gli elementi che in poco meno di 2 mesi Deborah ha scoperto per raggiungere poi, con le sue sole forze, risultati straordinari.

Te lo ricordo: noi non insegniamo nulla sugli attacchi di panico, spieghiamo come funziona la mente umana, il resto lo fanno i nostri studenti con la forza che imparano a tirare fuori.

Nel nostro blog abbiamo scritto guide specifiche e gratuite su alcuni tempi correlati al panico, come ad esempio la paura di uscire di casa, la paura di tutto o la paura di impazzire.

Quello che hai letto è utilissimo anche per capire come aiutare chi soffre di attacchi di panico.

Hai molto su cui riflettere e lavorare.




Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti