Innamoramento: significato, definizione e come funziona

Oggi ti vogliamo dare dell’innamoramento significato, definizione e soprattutto la reale natura.

Cosa significa innamorarsi, come accade, per quale motivo? Perché è importante amare se stessi per poter amare gli altri?

Il dizionario, lo definisce come “concepimento della passione amorosa“.

Un’altra definizione di innamoramento potrebbe essere “l’innamorarsi” ossia quella condizione in cui desideriamo una persona.

Ma la cosa più interessante deriva dai test per definire se siamo innamorati e dai cosiddetti “sintomi” dell’innamoramento.

L’innamoramento potrebbe anche essere considerato quella condizione emotiva in cui “siamo in amore”, ma è quello che viviamo?

Di questo si parla in psicologia di solito?

Capiamolo meglio.

 

Significato di innamoramento: cos’è davvero

innamoramento significato - Coppia sotto una coperta sul cofano dell'auto

Cos’è l’innamoramento?

Innanzitutto è una condizione emotiva, parliamo di amozioni di solito anche molto intense, a volte che emergono in modo graduale, altre in maniera improvvisa e inattesa.

In psicologia si tende a distinguere tra l’infatuazione (di solito considera una distorsione della realtà) e l’innamoramento.

Purtroppo la psicologia dice poche cose interessanti su questi temi e spiega male cosa significa essere innamorati.

Il problema è legato ala confusione che si fa tra l’esperienza personale e la natura umana.

Perché ci si innamora?
Per capirlo, dobbiamo scoprire cos’è l’innamoramento in realtà.

 

Cosa si intende per innamoramento?

Per innamoramento si intende una condizione emotiva in cui si sviluppa un enorme bisogno e desiderio dell’altro.

Non a caso, tra i sintomi dell’innamoramento, spesso troviamo:

  • Pensare sempre a quella persona non desiderando altro che lei.
  • Tutto diventa trascurabile, ci interessa solo la persona di cui ci sentiamo innamorati.
  • Quasi tutto diventa poco piacevole e interessante se non condiviso con quella persona.
  • Si perde interesse per ciò che non riguarda direttamente quella persona.
  • Si potrebbe perdere l’appetito.
  • Battito cardiaco accelerato

Questi sono alcuni degli effetti che porta l’innamoramento.

Nella nostra Scuola abbiamo creato un test che spiega come capire di essere innamorati. Sarebbe interessante farlo.

La cosa più incredibile è che funziona sempre.
Ogni persona riscontra che le risposte coincidono alla perfezione con la propria condizione.

Il punto chiave è che quel test è riprende le domande dei test per identificare una dipendenza da droghe.

Esatto: a livello chimico e comportamentale, l’innamoramento ha gli stessi effetti della droga.

Perché ci si innamora dunque?
Per via di una condizione di dipendenza che sviluppiamo nei confronti di una persona.

Capire come innamorarsi è semplice: l’innamoramento scatta tutte le volte che in una persona tu vedi la realizzazione di quello che desideri.

Ci innamoriamo non della persona, ma dell’idea di felicità, piacere e benessere associata a quella persona.

Hai notato, ad esempio, che nessuno si innamora di una persona che trova sgradevole?

L’innamoramento non è mai casuale, come pensiamo. L’innamoramento è MOLTO selettivo.

Quanto dura l’innamoramento?

Le risposte più gettonate parlano di qualche mese, massimo due o tre anni. E sono risposte sempre sbagliate.

Come lo sappiamo?

Perché capendo la natura dell’innamoramento sarà chiarissimo anche a te.

Quando arriva l’innamoramento?

L’innamoramento arriva quando pensiamo di aver trovato la persona giusta.

Chi è la persona giusta?
Quella che ci renderà felici.

Nell’innamoramento pensiamo che l’altro ci farà stare bene, vediamo l’altro come quella persona “perfetta” che sarà in grado di completarci e farci finalmente stare bene.

Ma questo non dipende mai dall’altro.

Il terapeuta canadese Nathaniel Branden spiega bene che l’emozione (innamoramento incluso) è una reazione valutativa.

Significa che quello che tu provi non dipende da cosa accade (o dall’altra persona) ma da cosa pensi tu.

Innamoramento o infatuazione non sono quindi realtà molto differenti: in entrambi i casi io non vedo l’altro, ma solo la mia proiezione dei miei bisogni.

La persona di cui ci si innamora diventa “l’oggetto” da cui soddisfare i bisogni fondamentali: sicurezza, amore, senso della vita, forza, protezione, direzione.

Proprio per questo non ci innamoriamo mai dell’altra persona, ma della nostra idea che l’altro possa renderci felici (a volte salvarci dalla sofferenza o da una vita infelice).

Spesso poi ci si trova a innamorarsi dell’amore, cioè a desiderare l’idea di come saremo felici se saremo amati da quella persona.

E spesso la relazione è tutt’altro che felice come la immaginavamo. L’innamoramento non guarda la realtà, in questo è opposto all’amore.

Ma se le emozioni le creiamo noi (si chiama indipendenza emotiva in psicologia), tutte le cose dette su chimica, istinto, sessualità che fine fanno?

 

Qual è la differenza tra innamoramento e amore?

Dopo quanto ci si innamora?

Anche dopo 10 secondi, giusto il tempo di credere (cioè di pensare) che l’altro sia esattamente la persona che abbiamo sempre desiderato.

La chimica della nostra mente è complessa.
Innamoramento e amore sono chiaramente legati a ormoni, dopamina e altre sostanze.

Ma quel che nessuno ti dice è che i tuoi pensieri sono la modalità naturale con cui la nostra mente crea reazioni chimiche dentro di noi.

L’innamoramento è chimica, ma non dipende da odori o altri fattori come spesso viene spiegato superficialmente.

Anche perché l’odore di una donna è lo stesso, ma cosa prova un uomo quando si innamora non è uguale per tutti.

Come mai l’odore (oggettivo) di una donna fa innamorare un uomo e non un altro? E lo stesso, beninteso, vale a parti invertite.

Se fosse un discorso oggettivo, se l’innamoramento dipendesse dalla persona di cui ti innamorai, chiunque dovrebbe innamorarsi di lei.

Ma è evidente che non accade mai questo.

Ci sono poi persone che si trovano a innamorarsi facilmente, un ragazzo mi dice che si innamora almeno 10 volte al giorno.

Di cosa?

Parliamo di fenomenologia dell’amore quando cerchiamo di capire in cosa consiste davvero l’amore.

Se ti innamori di una persona che consoci da 1 settimana… davvero pensi di conoscere questa persona?

In una settimana?

Cosa potresti mai sapere di lei?
Per capire gli altri dovremmo comprendere, ad esempio:

  • Aspetti della loro vita che a volte non scopri dopo anni di frequentazione.
  • Le loro emozioni, cosa provano (noi proviamo milioni di emozioni, quante ne scopri in una settimana?)
  • I pensieri, le idee, le regole, le convinzioni di quella persona (queste sono miliardi… quanti ne conosci?)
  • Le cose che più contano, quello che possiamo definire il “tesoro” di quella persona.

Se ti va bene, non consocerei mai nessuno in una vita intera.
Se ti va male vivrai con l’illusione di “conoscerli come le tue tasche!“.

Cotta o infatuazione o innamoramento e amore sono mondi opposti.

L’amore NON ha niente di condiviso con l’innamoramento, non per come lo intendiamo noi.

Ad esempio l’amore secondo Freud, considerato padre della psicologia, era solo desiderio sessuale e nulla più. Finito il desiderio, finito l’amore.

Freud confondeva innamoramento e amore, come accadeva ad Alberoni, che nel suo libro spiega alcune cose errate sulla psicologia dell’amore confondendo queste due condizioni emotive.

E non capendo che l’innamoramento è egoista, nulla a che fare con l’amore vero. Amare significa capire l’altro, conoscere l’altro, prendersene cura senza chiedere nulla.

Ma parliamo della tua esperienza.

 

Innamoramento: definizione teorica o esperienza emotiva

innamoramento definizione - coppia che si bacia

La teoria ci dice che prima ci si innamora, poi si ama.
La pratica mostra, a chi vuol vedere la realtà, che l’innamoramento è egoista e non diventa mai amore.

L’amore incondizionato è l’unica vera forma di amore. Perché?
Perché lo dici tu!

  • Chiameresti amore i gesti di un amico fatti perché si aspetta da te qualcosa in cambio?
  • Chiameresti amore chi si prende cura di te per non sentirsi in colpa o per paura che tu ti offenda (e quindi non perché desidera la tua felicità?)
  • Chiameresti amore le attenzioni di qualcuno che pretende, in cambio, che tu sia come desidera e che cambi per diventare una persona differente (in sostanza non ti accetta così come sei).

Noi chiamiamo amore quello che viene donato.

L’idea è che quando ami, tu vuoi la mia felicità, nient’altro. Abbiamo anche realizzato un test infallibile per capire se il tuo è amore.

Se comprendi cosa significa amore, capisci che l’innamoramento non è niente di simile. Innamorarsi e amare sono mondi opposti e incompatibili.

E poiché tutti si innamorano, anche facilmente, noti che pochi, poi amano. Guardati intorno: tutte le relazioni iniziano per innamoramento, e sempre più spesso finiscono per spezzarsi.

L’amore rende felici. Vedi una società molto felice?

L’innamoramento è inteso, oggi e in psicologia, come quello stato che, di fatto, è una forma di dipendenza psicologica.

Oggi l’amore è sempre meno diffuso, l’innamoramento sempre più ricercato (le persone si chiedono come innamorarsi, poche come amare).

Per vivere una coppia felice e un amore eterno, l’innamoramento NON è una fase iniziale, non serve proprio, anzi sarà sempre IL PRINCIPALE OSTACOLO all’amore.

In questa pagina hai molti link che portano a risorse gratuite in cui approfondire quanto visto. Sfruttale, la felicità va nella direzione opposta a quella che quasi tutti hanno intrapreso.




Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti