La vita fa schifo? Ecco come cambiarla con una nuova

Ok, la vita fa schifo.

Hai due possibilità: te la tieni così com’è e ci convivi, oppure ne chiedi una nuova, una che funzioni bene e non sia piena di difetti come quella che hai adesso.

Ti spiego cosa facciamo:

  1. Ti spiego come diventare la persona che vorresti essere.
  2. Ti mostro come gestire le ingiustizie della vita.
  3. T svelo il segreto per stare bene con tutti.
  4. Ti dico come cambiare la tua vita nelle prossime ore.

Se davvero vuoi cambiare le cose e crearti una vita che ti piaccia, prima di leggere questa guida rispondi alle domande del mio test: misurerà la tua capacità di cambiare.

Senza questa capacità è difficile migliorare le cose, e le tue risposte non solo ti faranno capire quanta ne hai, ma ti indicheranno come svilupparla concretamente.

 

Sai perché la tua vita fa schifo?

La vita fa schifo

Vediamo come scegliere la migliore vita possibile per te.

Ci sono tre fattori che devi controllare quando ne scegli una nuova, altrimenti rischi di ritrovarti con gli stessi problemi che hai oggi.

  1. Sei come vorresti essere?
  2. Le cose vanno come ti piacerebbe?
  3. Il tuo rapporto con gli altri è come lo vorresti?

Per esperienza ci sono queste tre dimensioni.

Quando vanno male, anche una sola, arriviamo a pensare che la nostra vita sia un disastro.

Il rapporto con noi stessi, quello con la vita che viviamo e con gli altri.

Ora li affrontiamo tutti e ti spiego come farti una vita nuova e felice.

 

1. Non sei come vorresti

Aspetto numero uno: sei come vorresti essere?

Probabilmente qui abbiamo qualche problema, altrimenti non penseresti così male della tua vita.

Adesso ti spiego, per ogni elemento, come cambiarlo, così vedrai che sistemiamo la tua vita pezzo per pezzo.

 

Carattere, non ti piace come sei!

Non ti piace il tuo carattere

Chi ti dice che il tuo carattere è una fregatura, perché ormai devi tenertelo, ti ha detto una bugia.

No, aspetta, non l’ha fatto a posta, è che non sapeva che il carattere si può sostituire con uno nuovo.

Non lo sapevi nemmeno tu?

Ok, neanche io, lo ammetto! Ma qualche anno fa ho scoperto come si fa, e ho cambiato il mio.

Ecco cosa ho fatto.

  • Ho scelto un aspetto del mio carattere che non mi piaceva, che avrei voluto modificare.

Tu devi fare la stessa cosa e con molta precisione.

Definisci una caratteristica che non ti piace, una sola, una per volta.

  • Con cosa la vorresti cambiare?

Io, ad esempio, ero molto impulsivo, parlavo troppo frettolosamente e aggredivo gli altri appena sentivo qualcosa che non mi piaceva.

Volevo invece parlare con calma, senza dire cose di cui pentirmi.

Tu cosa vuoi? Con cosa cambieresti l’aspetto del carattere che non ti piace?

  • Individua una persona che ha il carattere che piace a te.

Io ho osservato chi era più riflessivo e parlava senza perdere la calma.

Cerca una persona che ha il carattere che piace a te e prendila come spunto, come modello positivo.

Ovviamente per quell’aspetto che ti interessa.

  • Stabilisci, da oggi, come ti comporterai in quelle situazioni in cui viene fuori il carattere che non ti piace.

Io ho cominciato a fare silenzio, parlare di meno, ascoltare di più.

Mi chiedevo, prima di parlare: “Quello che sto per dire è utile? Serve? Ha senso? Ne sono convinto? Potrei pentirmene?”.

Ho imparato ad ascoltare e parlare con calma, pensando a cosa dicevo.

 

Se vuoi cambiare un aspetto del tuo carattere che non ti piace, devi prima identificarlo bene, capire come vorresti essere, cosa ti piacerebbe, e capire cosa faresti di differente se avessi già quale carattere che piace a te.

Se fossi estroverso, o estroversa, come ti comporteresti?

Se fossi una persona decisa, come agiresti?

Cosa fanno le persone estroverse? O quelle decise? O quelle serene, calme, pazienti?

Mi raccomando: scegli esempi positivi, non guardare a chi fa cose negative o autodistruttive.

Soprattutto traduci il tuo nuovo carattere in azioni semplici da compiere, cose che fai concretamente ogni giorno.

Ci vuol un po’ di tempo, ovviamente, ma i risultati arrivano. Ricapitolando:

  1. Definisci cosa vuoi cambiare.
  2. Stabilisci il nuovo carattere che desideri.
  3. Pensa a come agiresti se fosse già tuo, a come agisce chi lo ha.
  4. Fanne azioni semplici, concrete e quotidiane.

Capiterà, te lo dico subito, che ci ricadi nel vecchio carattere, anche spesso.

È normale.

Tu fregatene.

Osserva la situazione in cui hai agito nella vecchia maniera per capire come non ricaderci domani.

Quindi insisti.

La consapevolezza di voler cambiare e avere un obiettivo preciso, insieme alla tua determinazione, faranno la differenza.

P.S.
Se ti viene difficile qualche passaggio, fai una cosa: lasciami un commento in fondo a questa pagina.

Dimmi cosa ti crea problemi: ti rispondo velocemente e ti do qualche consiglio.

 

 

Percorso personale, ovvero quando la tua vita è un fallimento

La tua vita è un fallimento

Parliamoci chiaro: non penseresti che la vita faccia schifo se la tua fosse un successo, ti pare?

Poi ci sono attori, sportivi di fama mondiale, artisti famosi che pur avendo tutto quel che chiunque vorrebbe, e quindi anche il successo, dicono di sentirsi un fallimento.

È una questione di punti di vista. Mi spiego meglio.

Sai cosa rende la vita un successo o un fallimento? Il metro.

Non quello con i centimetri, ma quello con cui misuriamo la qualità della nostra vita.

In questi anni, misurando la mia, ho scoperto cosa c’è su questo metro al posto di centimetri e millimetri.

  • Apprezzamento degli altri. Più le persone ti dicono che sei ok, più gli piace quello che fai, più tifano per te e dicono che sei il migliore, o la migliore, che sei in gamba, che sei speciale, più penserai che la tua vita sia meravigliosa.
  • L’affetto degli altri. Più le persone ti sono vicine, più persone esprimono affetto nei tuoi confronti, più ricevi da loro amore, attenzioni, ascolto, rispetto e premure, più penserai che la tua vita sia fantastica.
  • Coerenza personale. Più esprimi chi sei, più fai vedere quello che hai dentro realmente, più dimostri che persona sei e vedi che sei proprio così, che non fingi, che non nascondi la tua personalità, più penserai che la tua vita sia bella.
  • Le vicende della vita. Più le cose vanno come vorresti, più hai opportunità favorevoli, occasioni positive, meno problemi devi affrontare e difficoltà ti ostacolano, più penserai che vivi la miglior vita possibile.

Ovviamente, se invece dei più ci mettiamo un bel segno meno, allora la vita fa schifo.

Come vedi, quindi, la vita fa più o meno schifo, è più o meno meravigliosa, a seconda del metro con cui la misuriamo e, ovviamente, di quello che vediamo quando la misuriamo.

Se pensi di essere un fallimento è perché quando hai misurato la tua vita, i meno erano tanti, molti di più delle cose positive, o semplicemente gli aspetti negativi erano più importanti di quelli positivi.

Come cambiare la situazione?

Ecco qualche azione immediata e concreta.

  • Identifica cosa non va bene nella tua vita. Relazioni disastrose? Un lavoro che non ti piace? Un lavoro che manca? Problemi di studio? Insomma, stabilisci un aspetto, sempre uno per volta, che vuoi cambiare.
  • Come dovrebbe essere? Ok che una cosa non ti va bene, ma come la vorresti? Che lavoro desideri? Che risultati vuoi ottenere? Come vorresti che fosse questa tua relazione?
  • Ora cerca di essere sincero, o sincera: cosa puoi fare tu per passare dalla situazione attuale a quella ideale? Non hai un lavoro e lo vorresti, cosa puoi fare? Hai un pessimo rapporto con tua madre e vorresti un bel dialogo, cosa puoi fare?

Quando ti chiedo cosa puoi fare, non intendo cosa hai fatto oppure cosa si fa di solito.

Se vuoi cambiare vita, devi fare qualcosa di nuovo, di più, di creativo e originale.

Devi pensare a tutto quello che è possibile fare.

Vai oltre il normale, pensa a quel tipo di soluzioni che potrebbero sembrare assurde, che chiunque direbbe “e chi farebbe mai una cosa del genere, è troppo!”.

La cosa più importante è che le soluzioni siano tue.

Non devono prevedere l’aiuto degli altri.

Cerca soluzioni che puoi realizzare senza collaborazione. Concentrati solo sulla tua parte. E poi agisci.

Osserva cosa succede e se non vedi i risultati che desideri, cerca una nuova soluzione e provala.

E continua così, senza mai stancarti, fino a che non ottieni quel che desideri.

Ti suggerisco una guida pratica che ho scritto per spiegare come essere sicuri di sé.

Troverai numerose idee e azioni pratiche per mettere in campo soluzioni concrete perfette per cambiare la tua situazione.

 

P.P.S.
Anche in questo caso capisco che possa essere complicato a volte, oppure che alla lunga possano venire meno idee e soluzioni quando le cose non cambiano.

Io sono sempre qui, a tua disposizione. Lasciami un commento e troveremo le possibilità che ti servono.

 

Aspetto fisico: il tuo corpo fa schifo

Non mi piace il mio corpo

Questo è un punto complesso. Ok, vediamo cosa possiamo fare.

Personalmente ho visto che ci sono tre possibili approcci.

  1. Cambio il modo in cui osservo il mio corpo. Io ho fatto così e le cose sono andate alla grande!
  2. Cambio il mio corpo. Ci sono due strade ma hanno entrambe una fregatura per quella che è la mia esperienza.
  3. Non cambio nulla. Questa non serve a molto, lasciamola stare in partenza!

Partiamo dalla seconda.

Cambio il mio corpo attraverso l’esercizio fisico.

Qualche anno fa ero costante nell’allenarmi, ma a casa. Niente palestra, non mi è mai piaciuta e costava troppo.

Però correvo e facevo attrezzi a casa.

Peggio ancora molti ricorrono al bisturi, cosa che io non farei mai e non consiglierei a nessuno, salvo casi particolari (malformazioni o incidenti).

Cambiare il proprio corpo, certo, ma perché vuoi modificare il tuo aspetto?

Davvero per piacerti di più?

O per piacere agli altri di più?

Io la penso così: se lo fai per gli altri, è tempo sprecato.

Certo, forse piacerai di più alle persone, ma a loro piacerai tu, o il tuo aspetto?

Interessi tu, o il tuo sedere sodo?

Piaci tu, o i tuoi pettorali scolpiti?

Io dico la seconda. Tu che dici?

Cambiare aspetto non è una soluzione vincente.

Anche se diventi bellissima, o ti fai un fisco da sportivo professionista, continuerai a vederti più o meno bene in base a cosa hai nella tua testa.

Ci sono modelle che sono considerate meravigliose ma si credono bruttine.

Inoltre rischi di dipendere dall’aspetto, dal giudizio degli altri.

Finché piaci va tutto bene, ma quando loro preferiscono altri?

Quando ci saranno persone più belle e sexy?

Che farai? Più palestra, più trucco, più tutto?

Non farti ingannare dall’apparenza. C’è una soluzione più efficace.

Cambiare il modo in cui osservi il tuo corpo.

Lui resta lo stesso, ma tu inizi a dargli un valore differente.

Per me è stato fondamentale fare una serie di cose che ti dico subito, ma le approfondiamo più avanti, perché il discorso è complesso.

  • Eliminare il paragone tra me e chiunque altro.
  • Capire che io non sono il mio corpo.
  • Dare poca importanza all’aspetto degli altri.
  • Conoscere meglio le mie emozioni.

Sull’ultimo punto abbozzo un ragionamento che ho scoperto in questi anni:

  • Se il mio corpo piace, le persone si avvicinano e non mi rifiutano.
  • Se mi stanno vicine, mi fanno provare emozioni positive.
  • Se provo emozioni positive, sto bene e la mia vita è bella.
  • Per vivere una bella vita devo piacere, il mio fisico deve essere piacevole.

Ho semplificato troppo?

Non saprei, ma volevo mettere a nudo un processo che, dalla mia esperienza, è comune a quasi tutti, che quasi mai ci rendiamo conto di avere ma che influenza la nostra vita.

Ne riparliamo più avanti, adesso pensiamo come sistemare le cose che non vanno per il verso giusto nella tua vita.

 

2. Le cose non vanno come vorresti: non è giusto!

La realtà è ingiusta

Aspetto numero due: la tua vita fa schifo perché le cose non vanno come vorresti tu.

Delle relazioni con gli altri ne parliamo dopo, qui voglio mostrarti come cambiare le situazioni che vivi e che sembrano incontrollabili, tanto da farti pensare che la vita, oltre a fare schifo, sia anche ingiusta.

Ci sono tre tipi di situazioni con cui potresti avere a che fare:

  • Quelle che dipendono da te, da cosa fai.
  • Quelle che dipendono solo in parte da te e da quello che fai.
  • Quelle che invece non dipendono da te, qualsiasi cosa tu faccia.

Nel primo caso, ovvero se la tua vita fa schifo perché alcune situazioni, che dipendono da te, non ti piacciono, l’unica cosa che puoi fare è agire in modo differente.

Te l’ho spiegato parlando del carattere.

Io ho iniziato a cambiare la mia vita intervenendo sulle situazioni di cui ero padrone.

Il meccanismo è simile a prima.

  1. Definisci bene la situazione che non ti piace e vorresti modificare. Identifica anche il motivo per cui non ti piace.
  2. Poi definisci bene, sempre con chiarezza, come vorresti che fosse, in pratica che obiettivo hai, dove vuoi arrivare.
  3. A questo punto devi creare un ponte tra le due cose: cosa dovresti fare per ottenere questi risultati? Di cosa hai bisogno? Come puoi agire e quando.
  4. Infine non ti resta che passare alla pratica: cerca le informazioni che ti mancano, impara ciò che non sai, fai le cose che hai scritto, agisci concretamente e cambia la situazione.

Quando ti offro questi suggerimenti segui il mio consiglio: rispondi subito alle domande, scrivi subito cosa devi fare.

Non tenere tutto a mente, scrivilo, e fallo adesso, non aspettare di finire di leggere questa pagina (ci vuole ancora!), non aspettare domani.

Se vuoi una vita nuova, migliore, devi agire subito.

Ci sono poi gli altri due scenari.

Allora, nel secondo caso ci sono situazioni che in parte dipendono da te.

Devi fare esattamente la stessa cosa che ti ho appena suggerito.

Certe situazioni puoi modificarle, almeno per certi aspetti, quindi inizia da quello che è sotto il tuo controllo, identifica cosa fare e agisci.

La parte che invece non puoi controllare, così come anche le situazioni su cui non ha alcun potere, quelle del terzo tipo, vanno affrontate con un approccio differente, tenendo conto di alcune cose ovvie, ma non per questo sbagliate.

  • Quando una cosa non la puoi cambiare, è inutile tentare di cambiarla, almeno direttamente.
  • Hai sempre due possibilità: subirla lamentandoti, o viverla adattandoti.
  • Adattarsi significa cercare di trarre il massimo da quello che non avresti mai voluto affrontare. Ora c’è e rifiutarlo non lo cancella.
  • Anche se una cosa non ti piace, devi imparare ad affrontarla.

Il punto è semplice: alcune situazioni sono fuori dal tuo controllo. Fine della storia.

Però resta sotto il tuo controllo sempre qualcosa, la più importante: tu, e le tue reazioni, le scelte e le tue decisioni.

Io ho iniziato a cambiare le cose che potevo controllare, ma la svolta è stata cambiare me stesso di fronte a quelle che erano più grandi di me.

Non puoi decidere se ci sarà un terremoto che butta giù casa tua, ma puoi scegliere se soccorrere chi ne rimane coinvolto, se dare una mano a ripulire, se impegnarti a ricostruire.

In alternativa puoi semplicemente lamentarti, disperarti e rassegnarti che è tutto finito.

L’evento non puoi controllarlo, ma puoi scegliere come affrontarlo.

Il segreto non è illudersi che tutto vada bene ugualmente.

Il segreto è capire che anche di fronte a situazioni difficili, fuori controllo, dolorose, puoi scegliere cosa fare.

Ho dedicato un ricco approfondimento alla libertà: cos’è la libertà? Leggilo, ti costringerà a riflettere su alcune cose davvero importanti.

Alcuni si arrendono, altri si arrabbiano, pochi ripartono facendo tesoro di quell’esperienza. Cosa cambia?

La realtà è la stessa per tutti, ma ricorda che più ti fai fermare dalle situazioni che vivi, più la tua vita farà schifo.

  • Quello che è sotto il tuo controllo dipende da te, quindi agisci.
  • Ciò che non puoi controllare è un dato di fatto per te. Pensa a come viverlo e affrontarlo per stare bene ugualmente, cerca soluzioni e non fermarti di fronte alle difficoltà.

Fissati nella mente questa immagine: se ti trovi di fronte un muro di mattoni, ha senso cercare di buttarlo giù a testate?

Cosa sarà più duro, il muro o la tua testa?

Se guardi bene, potresti trovare il modo di girarci attorno, scalarlo, usare una scala o abbatterlo, ma con un martello.

Meglio no?

 

3. Le persone non sono come vorresti

Le persone non sono come vorrei

Questo è un aspetto cruciale.

Per la mia esperienza quanto più non troviamo persone che sanno capirci, accoglierci e amarci, tanto più penseremo che la nostra vita faccia schifo.

Ricordi, dipende da cosa misuri e come lo fai.

  • Le persone si comportano male, tradendo la fiducia, agendo con egoismo, fregandosene dei tuoi sentimenti quando a loro conviene.
  • La gente è cattiva, se può ottenere qualcosa per sé, anche se ti danneggia, lo farà, senza preoccuparsi di come starai tu.
  • La realtà è così, difficile trovare qualcuno che ti accetti davvero, forse non esiste l’amicizia vera, sicuramente è difficile pensare che una storia d’amore duri tutta la vita.

Quanto ci credi a queste cose?

Io ci credevo abbastanza, ad alcune almeno.

Pensavo che le persone fossero cattive, magari non le consideravo tutte egoiste ma quasi.

Poi dipende, nei momenti in cui siamo arrabbiati o delusi tutto ci appare negativo, le persone sembrano peggiori. Cosa puoi fare?

Innanzitutto partiamo dalla cosa più ovvia: il comportamento degli altri non è qualcosa che puoi controllare.

Provare a gestire le altre persone è il modo migliore per stare male.

Ognuno farà esattamente quello che vuole, sempre.

Prima capisci questo, meglio è.

Tuttavia non vuol dire che la gente sia cattiva, anzi.

Immagina di vedere un gatto per strada. È piccolo, è infreddolito e sta male, magari ha anche qualche ferita sulle zampe.

Ti avvicini per prenderlo e portarlo da un veterinario e lui ti graffia appena allunghi la mano.

Ti arrabbi?

O pensi che sia normale che reagisca così, visto che ha paura?

Ognuno di noi è uguale al gattino: abbiamo paura e reagiamo per difenderci. Come?

  • Offendiamo gli altri.
  • Ci arrabbiamo e aggrediamo le persone.
  • Cerchiamo di danneggiarli se ci fanno un torto.
  • Pensiamo a noi stessi fregandocene dell’interesse degli altri.
  • Diventiamo violenti, anche molto crudeli a volte.

Io ho capito una cosa: siamo tutti tremendamente spaventati dagli altri, dalle situazioni che non riusciamo a gestire, dalla nostra vita.

Tu pensi che faccia schifo, ma sai quanti altri lo pensano?

La tua vita ti fa arrabbiare? Ti ha deluso e ti fa stare male? Anche gli altri stanno come te, forse peggio.

Gli altri vedono te e pensano quel che pensi tu: forse li fregherai, sarai egoista come tutti gli altri, cercherai di approfittartene se ti daranno l’occasione di farlo.

Non puoi controllare tutto questo.

Ma ci sono molte cose che tu puoi fare per cambiare la tua vita.

  1. Puoi scegliere come reagire ai comportamenti degli altri. Non sarebbe fantastico se nessuno potesse ferirti? Ora ne parliamo meglio.
  2. Puoi incidere nel tuo rapporto con loro cambiando il tuo comportamento. Prova a entrare in dieci negozi sorridendo, salutando e mostrandoti gentile. Cosa otterrai in cambio? La stessa risposta. Non sempre, ovvio, ma quasi.
  3. Per litigare si deve essere in due. Tu non puoi decidere come reagirà chi ti sta di fronte, ma come reagisci tu sì, se alzare la voce, arrabbiarti, offendere. Se qualcuno mette legna nel fuoco, tu hai due possibilità: aiutarlo e magari soffiarci anche sopra, oppure gettare dell’acqua.

Pensa a una relazione che non ti piace, una in cui ci stai ma non sopporti o che vorresti fosse differente.

Hai sempre agito in modo perfetto?

Usato le parole migliori e avuto l’atteggiamento giusto?

Non puoi controllare gli altri, ma te stesso, o te stessa, sì.

Ecco qualche idea:

  • Cascasse il mondo, tu non offendere mai.
  • Allenati a stare in silenzio quando ti attaccano, non rispondere, non servirebbe a spiegarti, ma solo a infuocare lo scontro.
  • Se la situazione degenera, vattene, evita di alimentare il conflitto o la discussione.
  • Invece di dire cosa gli altri dovrebbero fare, poni qualche domanda. Così potresti sostituire “Hai sbagliato” con un “Per quale motivo hai agito così?” e poi “Cosa volevi ottenere? Ci sei riuscito? Potevi farlo diversamente?”.
  • Levati dalla testa che anche gli altri debbano aiutarti. Se non lo fanno, è perché non riescono. Tu fa la tua parte e, poi, non pensare a quel che loro faranno.

La cosa più importante è chiederti: se la vostra relazione migliora, tu starai male per questo?

Ovviamente no, anzi, starai meglio, per cui, che ti importa se devi fare solo tu tutto il lavoro difficile?

Se qualcuno deve farlo, e tu ora sai che puoi fare tanto, fregatene di cosa decidono gli altri, la vita è tua.

Non vorrai mica che resti deludente perché chi ti sta vicino non se ne rendo conto, giusto?!

 

È il momento di cambiare la tua vita: conclusioni

Inizia a cambiare la tua vita

Non sai quante volte qualcuno mi ha scritto o detto che la sua vita faceva schifo.

A me dispiace sempre quando so che qualcuno non è felice e non vive una vita meravigliosa, ricca di entusiasmo e gioia.

Sai perché? Perché ho visto che è possibile, ed è un peccato non farlo.

I suggerimenti che ti ho dato sono cose che ho fatto in prima persona, per cambiare la mia vita, e ho ottenuto risultati fantastici.

Se ci sono riuscito io, fidati, puoi farlo anche tu.

Però ti do un ultimo suggerimento: non accontentarti di piccoli gesti.

Agire è importante, ma se continui ad avere lo stesso atteggiamento mentre fai quel che ti ho suggerito, durerà poco e ti ritroverai al punto di partenza.

Ci sono passato e so come funziona.

Agire è importante, ma devi capire. Ecco cosa, per me, ha fatto la differenza:

  1. Ho imparato a trasformare un’emozione negativa in una positiva. Cioè? Semplice, la rabbia diventa comprensione, la delusione, calma, la tristezza gioia. Possibile una cosa simile? Assolutamente sì. Qui ti spiego come l’ho fatto io.
  2. Ho imparato che nessuno controlla la mia vita a parte me. Questo è stato fantastico. Mi sono reso conto che la mia vita dipendeva solo da me e che nessuno poteva condizionarmi. Si chiama consapevolezza, e ti spiego come ci sono arrivato.
  3. Mi sono reso conto di essere perfetto. Occhio che non sono Brad Pitt e non ho vinto un Nobel, ma sono perfetto. Ho smesso di sentirmi insicuro o inadeguato. Ho capito cosa fosse l’autostima, e anche su questo ti spiego cosa ho imparato.
  4. Infine ho capito che non sono fatto di sole ossa e carne. Ho scoperto l’importanza della spiritualità, capendo che è una cosa molto differente dalla religione. Niente chiese, dottrine o costrizioni. Qui ti spiego come la vedo.

Insomma, c’è tanto da dire e da fare, e la cosa più bella è che quando inizi non vuoi fermarti più.

Se lo trovi difficile e vuoi una mano, possiamo fare un incontro via Skype in cui mi spieghi le situazioni che vivi e troviamo una soluzione a ogni problema o un nuovo approccio a ciò che non puoi cambiare. Leggi questa pagina per fissare un appuntamento ⇒

Se invece vuoi eliminare alla radice questo problema e iniziare a vivere una vita totalmente felice, c’è un eprcorso da fare insieme.

Io penso che se mi dai retta, anche nel giro di un mese potresti vedere cambiamenti impressionanti. Per iniziare questo percorso, leggi questa pagina ⇒

 

Vivere diventa una cosa meravigliosa, ne hai voglia e ti diverti un sacco.

Spero che la mia esperienza e il mio percorso ti possano aiutare a cambiare il tuo giudizio sulla tua vita, anzi, a cambiarla proprio, e iniziarne una nuova e davvero felice.

Sembra difficile, ma è possibile, e visto che è la cosa più importante che hai, ne vale proprio la pena.

Qui sotto puoi lasciarmi un commento, rispondo sempre a tutti, quindi sentiti tranquillo, o tranquilla, di chiedermi quello che vuoi, anche criticare le cose che ti ho mostrato.

Ora sai come ho cambiato la mia vita e come tu potresti cambiare la tua.

Saperlo non basta, devi farlo.

Inizia subito, e vedrai che vivere sarà la cosa più divertente di tutte.

Vuoi diventare più forte di qualunque problema?

Mettere in pratica quello che scrivo non è facile. Ma è possibile.
​Come Mental Coach posso allenarti in questo.
Non un semplice miglioramento della tua vita, ma diventare tu, per sempre, una persona capace di affrontare qualsiasi problema senza che nulla possa abbatterti o fermarti.​

Iniziamo gratis ⇒


5 Verità sulla tua vita

Ci sono 5 verità che ti riguardano da vicino e che in questo momento stanno decidendo chi sei, se sei felice, perché hai trovato il mio sito.
In 5 semplici domande ti aiuterò a scoprirle, capirle e dominarle.

Fai subito il test ⇓

Giacomo Papasidero
 

Mental Coach dal 2010, mi occupo di felicità ed emozioni da oltre 10 anni. Il mio obiettivo è insegnare che ognuno di noi può diventare più forte di qualsiasi problema. Questo per me significa diventare felici.Anche se ho tenuto un seminario all'Università di Parma e sono stato ospite a SKyTg24, la cosa di cui vado più fiero è la Scuola di Indipendenza Emotiva che ho avviato nel 2018, perché è un percorso chiaro, graduale e concreto che sta rivoluzionando la vita di tante persone.

64
Lascia un commento

avatar
29 Commenti con discussione
35 Risposte nelle discussioni
0 Seguono questa pagina
 
Commenti più recenti
Discussioni più vive
30 Partecipanti alla discussione
LuciaChiaraMaristellanessunoMarco Ultimi che hanno commentato
  Iscriviti  
Notificami
Lucia
Ospite
Lucia

Ciao Giacomo,
sono una ragazza di 25 anni, violinista da quando ne ho 11, una passione smisurata per la musica ma sempre inibita dalla paura di non essere brava, di non essere abbastanza, di non andare bene come sono, e tutto ciò mi ha portato ad accumulare tensioni fisiche tanto che ogni dannata volta che prendo in mano il violino mi sento totalmente bloccata. Sinceramente nella teoria so benissimo che è un problema di essere responsabili della propria vita, di sicurezza che non ho, di accettare di essere inperfetta ecc ecc…
Ho anche già cambiato la mia vita, trasferendomi a 22 anni in un’altra città, per un po’ ha funzionato ma ora sono tornati i vecchi meccanismi. Sono all’esasperazione, non potrò mai pensare di mantenermi facendo una mestiere che non riesco a fare. Grazie per l’attenzione.

Chiara
Ospite
Chiara

Ciao Giacomo,

ho già avuto il piacere di ricevere una tua risposta in un’altra pagina, ma ora sono qui a scriverti perché mi sento infelice. Stanca, triste, apatica. Nella mia vita ho sempre pensato di essere una povera vittima pur avendo tutto (una famiglia, la salute, la possibilità di studio, relazioni…) e questo mi ha sempre portata a pensare di essere una stupida capricciosa che non riesce a vedere le proprie fortune. Mi dò addosso da sola, non riesco a perdonarmi, sono sempre stata molto severa con me stessa, e nei momenti in cui provo a essere più indulgente me la prendo comunque con me stessa, dicendo di soffrire solo di vittimismo. Penso costantemente che Dio sia arrabbiato con me, ho paura di non seguire la sua strada, la sua via, di deluderlo in continuazione e di perdere tempo: penso che dovrei fare di più, che non faccio abbastanza, che sono pigra (eppure ho sempre portato a termine gli studi molto bene) e che anche solo rilassarmi a vedere una serie tv sul divano non va bene, perché non sto facendo nulla di utile. Ho appena chiuso una relazione durata molti anni e ho paura della solitudine. Nella mia mente ho molti sogni e aspettative, forse fin troppo alte, e ho paura che, inseguendole, un giorno, magari già adulta, possa cadermi tutto addosso e capire che, in realtà, non ho combinato proprio nulla, che ho inseguito vite irrealizzabili, amori da romanzo, e via dicendo. Non so più nulla. Dovrei essere felice della vita he ho, cosa che sono, ma sogno sempre di più, sembra che non sia mai contenta! Ho continui mal di testa per il troppo pensare, la mia mente è sovraccaricata di pensieri. Sono così stanca che vorrei solo addormentarmi.

Maristella
Ospite
Maristella

Il lavoro che ero convinta di amare mi sta un po’ stretto (la maestra); la casa in cui vivo sopra mio padre dopo 10 anni non è più a mia misura ma non ho la possibilità economica di andarmene e forse neanche le energie; le amicizie mi stimolano poco quindi esco poco e sto vivendo un periodo di grande solitudine e isolamento…. ciao Giacomo! Dopo due anni rieccomi i quì!

nessuno
Ospite
nessuno

E’ incredibile come questi consigli per migliorare la propria vita mi rendano ancora piu nervoso e depresso di quanto sia già.

Tutti questi ex depressi che ce l’hanno fatta, e che vogliono darti consigli per migliorare la tua vita, con parole come perfezione, consapevolezza, cambiare si può e mille altre cazzate su cui costruiscono un mestiere.

La verità è che certe persone nascono male, e non c è verso di raddrizzare niente, e vaffanculo a tutto.

Marco
Ospite
Marco

Ciao,innanzitutto complimenti per l’impegno che ci metti nel dare consigli e tutto il resto,guadagno o non guadagno,lo fai per bene.
Che dire,sono finito qui in piena notte dopo solo due ore di sonno (tra poco mi alzo per andare a lavoro),e sempre con la solita idea in testa: che vita di m…..
Sono un caso particolare,ho avuto vari problemi famigliari sin da piccolo,padre alcolizzato manesco,madre drogata poi morta qualche anno fa.
Ciononostante, ho sempre cercato di nn fare errori gravi come hanno fatto i miei famigliari,cercando di rigare dritto, (più o meno), trovandomi un lavoro all età di 14 anni ,una casa a 18,una fidanzata a 15 ecc (ora ne ho 31).
Detto questo,riguardano gli anni precedenti della mia vita, posso solo dire di aver arrancato fino ad ora facendo lavori di merda che non mi soddisfavano minimamente e facendoli solo per esigenza, trascinando il rapporto con la mia ragazza nn affrontando mai i problemi con lei,indebitandomi irreparabilmente con banche ecc per avere soddisfazioni mai avute da piccolo ecc insomma ho fatto mille errori dettati anche dalla giovane età la poca esperienza e le grandi responsabilità che la mia situazione famigliare mi ha dato a un età cosi giovane.
Ora mi ritrovo a lavorare in una schifossissima fabbrica chimica e sporca che odio,facendo turni illegali per mantenermi un posto precario,sempre con la stessa ragazza che ora però mi chiede un figlio,nn so se sono più innamorato di lei,nn riesco a starle vicino fisicamente (mi irrita) ma nn riesco a lasciarla perché è stata la persona cmq piu importante della mia vita, e nn si meriterebbe questo ora.
In più ho mille insicurezze e paure, tipo quella di rimanere solo, di non riuscire nel caso trovassi il coraggio di lasciare lei,di reinnamorarmi di qualcun altra,paura di crescere fallito come mio padre senza un lavoro (meglio un lavoro di m… che vivere con 200€ al mese di sussidi) la realtà è che so cosa vorrei ma nn so se i miei sono solo sogni irrealizzabili.
Guardare il bicchiere mezzo pieno mi viene difficile,vado avanti e basta continuo ad arrancare, facendo passare gli anni.

Beatrice
Ospite
Beatrice

Ciao sto facendo la notte sono un infermiera e.leggere i tuoi consigli mi ha dato degli spunti su cui lavorare, io ho.uns figlia meravigliosa di tre anni l amore della mia vita ma nonostante questo sono una persona che da sempre non è mai pienamente soddisfatta, penso da tutta la mia vita. Ho conosciuto dei.momenti in.cui mi sono sentita felice ma sono stato appunto solo momenti, quando ero incinta di mia figlia penso di aver conosciuto il.momento più bello della mia vita mi sentivo finalmente in pace con me stessa, ma come mi sento più spesso te lo spiego in poche parole inquieta, come se mi affannassi tanto per raggiungere qualcosa che non raggiungo e che forse nemmeno so davvero cosa è!! Mi manca qualcosa a cui nn so dare un nome.. serenità pace con me stessa nn lo so. Motivi di insoddisfazione ne ho so che posso cambiare ma no so da dove partire, vorrei cambiare lavoro fare la badante mi piacciono gli anziani sono stanca di fare l infermiera troppe responsabilita i turni è molto faticoso fisicamente e psicologicamente il problema sono i soldi nn so se riuscirei a mantenermi, ho una casa di cui pago il mutuo una casa che ho comprato anni fa x accontentare mio padre un altra lunga storia.. col mio compagno ho un rapporto conflittuale lui nn è una cattiva persona ma ha un carattere difficile a volte stiamo facendo terapia di coppia, prima abitavamo a Rimini io adoro il mare. Abbiamo vissuto dei anni poi x motivi legati al.mio lavoro siamo dovuti venire a Modena mia città natale dove io lavoro in ospedale.quando penso a come potrei essere felice penso vendo la casa,anche se tutti dicono che nn è il nome giusto c e la crisi ecc, licenzuarmi anche se ho il posto fisso e mi prenderanno tutti x matta, tornare a Rimini comprare una casetta andare a fare assistenza agli anziani. non pensare che mi preoccupo di quello che pensano gli altri mi preoccupo solo di.mia figlia che magari certe mie scelte avventate possano compromettere il suo futuro perché lei è la mia vita e le voglio dare tutto il mio meglio. Puoi darmi un tuo parere qualche consiglio?io cerco di mettere amore nelle mia vita ma qualcosa sbaglio se questa inquietudine nn va via voglio sentirmi serena in pace solo quello nn cerco altro davvero. Grazie in anticipo x la tua risposta e complimenti x il sito è davvero bello e di grande utilità x le persone in difficoltà.un abbraccio

Giulia
Ospite
Giulia

Ciao, vedo che rispondi a tutti quindi ci provo. La mia vita è un disastro su tutti i fronti. Ho studiato architettura, e tutti i lavori che ho provato a fare sono andati male, perché non ti vogliono pagare, finché stai in silenzio va tutto bene appena chiedi di essere giustamente pagata il rapporto finisce. Ne ho passati 4 in un anno sempre la stessa storia. Per quanto riguarda le relazioni vanno male tutte, mi sono separata da pochi mesi perché lui non sapeva fare il marito ne il padre e aveva altre donne. Ho dedicato tanti anni a questa relazione per poi trovarmi da sola a crescere grande una bambina, senza lavoro e senza supporto dal padre. Trovare lavoro in questa situazione è difficile perché posso solo certi orari. Trovare un altro uomo è impossibile perché amo ancora lui e non potrei amare qualcun altro. Fisicamente mi vedo rovinata dalla gravidanza e questo mi impedisce anche solo di portare in piscina mia figlia. Stare con lei sarebbe bello se io riuscissi a sorridere, invece lei mi fa spesso notare che sono triste. Amicizie non ne ho mai avute, le ho provate tutte, devo sempre propormi io, ho smussato il mio carattere sono sempre disponibile e gentile ma nonostante questo sono chiusa e per niente solare perché ne ho passate troppe per riuscire a sorridere. Non so più come fare. Spesso il pensiero è rivolto al “ponte” di cui parliamo sempre quando le cose vanno male.

Susanna
Ospite
Susanna

Sono una ragazza che ha avuto una amica che e stata cattiva con me io ho deciso di levarmi su fecebook e lei e la madre mi hanno bloccata dappertutto senza una spiegazione e la figlia ha chiamato mia madre dicendo matta e mamma gli e la detto quattro invece di dire il motivo del blocco si e comportata cosi come ne ESCO fuori da questa esperienza

io
Ospite
io

Si può apprezzare il gesto cioé il fatto che hai cercato di fare un decalogo psicologico per chi dice che la sua vita fa schifo senza che abbia fatto niente, o che abbia fatto poco per cambiarla. E uno sprono può essere utile in qualche modo. Ma come tutte le cose è valido relativamente. Mi spiego, secondo te quello che scrivi vale per una persona di 18 anni come una di 40? Di uno con un istruzione come di un ignorante? Di uno studente come di un pensionato? A parte questo molte cose non dipendono da noi ma dalla società, dagli altri e dall’ambiente che ci circonda. Cambiare modo di pensare è valido solo se noi stessi siamo il motivo dei nostri problemi. Ma non è quasi mai solo così .Oppure proponi la l’autolobotomizzazione? Mi pare che così si voglia nascondere la testa sotto la sabbia, e pensare positivo per il presente nonostante tutto o essere ottimisti su un futuro che non sarà quasi certamente roseo, non è dura mai a lungo.

ambra
Ospite
ambra

ehy ciao ho appena letto i tuoi consigli ed ti dico che tu sei tra i pochi che riesce a capirmi leggendo la tua esperienza mi sono resa conto che forse sbaglio anchio ed mi metto un po al centro di tutto grazie per i consigli sei bravo