Non sopporto i miei genitori: come gestirli visto che devi tenerteli!

Chi di noi non ha pensato, detto, magari urlato (forse con ben altre parole :D) questa farse: “non sopporto i miei genitori!”.

Chissà quanti di noi, ancora oggi, che si abbiano sedici anni, quelli in cui sembra più ovvio, o che se ne abbiano trenta o anche cinquanta (i genitori sono sempre genitori e tendono a  vedere i figli sempre “bambini”!), continua a ripetersela.

Adesso, però, cerchiamo di capire per quale motivo le cose stanno così.

 

Non sopporto i miei genitori: di chi è il problema?

Non sopporto i miei genitori

Se non sopporto i miei genitori, spesso, è perché non tollero che loro mi dicano cosa fare, come e quando, che giudichino, spesso negativamente, le cose che faccio solo perché non seguo il loro modo di fare.

Non sopporto i miei genitori perché mi trattano sempre come se non fossi responsabile, capace di affrontare le situazioni da solo, capace di prendere decisioni e compiere scelte nel modo giusto.

Non li sopporto perché magari si intromettono nella mia vita, hanno da ridire sulle mie amicizie, vorrebbero, e spesso lo fanno anche, impormi il loro punto di vista, le loro scelte e le loro idee.

Non sopporto i miei genitori perché il problema sono io!

Non temere, non ho sbagliato a scrivere, è proprio così: quando non sopportiamo qualcuno, che siano o meno i nostri genitori, il problema non è mai il comportamento degli altri, ma sempre e soltanto il modo in cui noi lo viviamo.

Se questo non ti piace, puoi sempre continuare a condannare i tuoi genitori perché sbagliano con te, e loro proseguiranno a fare la stessa cosa, a parti invertite.

Oppure potresti scegliere di scoprire come risolvere il problema (se non li sopporti chi ci sta male sei tu, o sbaglio?), e vivere con serenità il vostro rapporto.

 

Come migliorare il vostro rapporto in modo unilaterale

Se non sopporto i miei genitori, questo dipende dal fatto che io non accetto le loro idee e i loro comportamenti, trovo sbagliato che facciano quel che fanno, che dicano quel che dicono.

Il primo passo è quindi comprendere che se tu pretendi che loro accettino le tue scelte, tu devi accettare i loro difetti.

  • Parlano troppo? Sono liberi di farlo.
  • Ti sminuiscono? Sono liberi di farlo.
  • Criticano in modo fastidioso ogni cosa che fai? Indovina? Sono liberi di farlo 😀

Il problema vero è che non dovresti sopportare i tuoi genitori, ma amarli.

Sopportare significa che non accogliamo, comprendiamo, apprezziamo ma giudichiamo e condanniamo gli altri.

Amare vuol dire dare quel che vorresti ricevere.

  • Vuoi essere ascoltato? Allora ascolta i tuoi genitori, anche se loro non lo fanno con te.
  • Vuoi essere apprezzato? Allora apprezzali anche se ti attaccano e criticano.
  • Vuoi ricevere comprensione e perdono? Allora comprendi il loro modo di fare e perdonali per ogni parola di troppo, per ogni gesto poco carino, per qualsiasi errore.

Fino a quando? Sempre.

Perché amare significa dare senza chiedere mai niente in cambio.

Difficile?

Può sembrare, ma se non sopporto i miei genitori (questa è importantissima quindi prendi nota), è perché non ho capito che ogni mia emozione (fastidio, insofferenza, rabbia, nervosismo, vergogna e tutte le altre) non dipende da quel che loro fanno, ma da come io penso e vivo le loro azioni, le loro parole e ogni istante della mia vita.

Non devi cambiare i tuoi genitori, non dobbiamo mai cambiare gli altri, il problema è sempre dentro di noi, e non perché siamo “sbagliati”, ma solo perché la felicità la costruiamo noi, ogni emozione negativa che ci fa stare male la creiamo noi.

Si chiama indipendenza emotiva (leggi di cosa si tratta, è importantissimo!) e può farti smettere di dover sopportare i tuoi genitori, e iniziare un’attività decisamente più piacevole: amarli.

Senza contare che smetterai di stare male se loro si comportano come a te non piace. Ricorda questo prima di pensare che siano tutte chiacchiere: se non vogliono cambiare, lascerai che condizionino la tua vita?

Certo, domani potrai sempre rinfacciargli di avertela rovinata, ma chi ci rimette? Non ci perdi tu?

Allora scegli: o fai un bel cambiamento tu, o a starci male toccherà sempre e comunque a te 😉


5 Verità sulla tua vita

Ci sono 5 verità che ti riguardano da vicino e che in questo momento stanno decidendo chi sei, se sei felice, perché hai trovato il mio sito.
In 5 semplici domande ti aiuterò a scoprirle, capirle e dominarle.

Fai subito il test ⇓

Giacomo Papasidero
 

Mental Coach dal 2010, mi occupo di felicità ed emozioni da oltre 10 anni. Il mio obiettivo è insegnare che ognuno di noi può diventare più forte di qualsiasi problema. Questo per me significa diventare felici.Anche se ho tenuto un seminario all'Università di Parma e sono stato ospite a SKyTg24, la cosa di cui vado più fiero è la Scuola di Indipendenza Emotiva che ho avviato nel 2018, perché è un percorso chiaro, graduale e concreto che sta rivoluzionando la vita di tante persone.

4
Lascia un commento

avatar
2 Commenti con discussione
2 Risposte nelle discussioni
0 Seguono questa pagina
 
Commenti più recenti
Discussioni più vive
3 Partecipanti alla discussione
Ludovico amedeo MarcoGiacomo PapasideroFrancesco Ultimi che hanno commentato
  Ricevi aggiornamenti  
Notificami
Ludovico amedeo Marco
Ospite
Ludovico amedeo Marco

Non ha molto senso tutto questo perché questa considerazione potrebbe valere anche per loro, se i genitori sono troppo ossessivi rischiano di non farti crescere in maniera adeguata e conforme a quelle che sono le ‘regole’ della società, in parole povere diventi un disadattato poiché non sai fare niente senza di loro viceversa se i tuoi non ti ascoltano mai e ti trascurano troppo fin dall’infanzia potresti riscontrare dei problemi psicologici legati alla sfera dell’affettivita’ per cui amare a prescindere una persona oltre che molto difficile risulta essere controproducente, bisogna invece farsi rispettare e cercare in tutti i modi un modo per non dipendere più dai loro atteggiamenti e giudizi qualora dovessero essere sbagliati o lesionisti nei confronti della tua persona, vivere esclusivamente di affetto e perdonare solo perché sono persone care potrebbe nuocere gravemente al nostro avvenire da futuri genitori e da esseri collocati all’interno di una società molto competitiva eche purtroppo è pronta a ‘sbatterti fuori’ a ogni minimo errore

Francesco
Ospite
Francesco

Tu sei un genio io vorrei conoscerti?