Odio i miei genitori: come liberarti dal dolore e dalla sofferenza

“Odio i miei genitori” non è semplicemente la frase che potremmo dire quando siamo adolescenti e ci scontriamo con madri e padri che non comprendono i nostri diversi punti di vista.

Viviamo spesso un rapporto conflittuale con i nostri genitori e finiamo per provare, se non proprio odio, almeno risentimento, amarezza, delusione nei loro confronti.

E questo accade anche se siamo adulti e i nostri genitori anziani, o addirittura morti.

Oggi voglio spiegarti come puoi liberarti di queste emozioni che avvelenano prima di tutto te e capire come trovare serenità nei confronti dei tuoi genitori.

Con o senza il loro contributo 😉

  1. Odio i miei genitori: come nasce e perché lo provi.
  2. Come liberarti della sofferenza che ti porti dentro.
  3. Come vivere una vita felice malgrado i tuoi genitori.

Quello che ti insegnerò oggi può trasformare la tua vita e permetterti di vivere in modo positivo anche se i tuoi genitori non vorranno mai cambiare il loro modo di vivere e di agire.

Questa profonda libertà è una forza enorme che ti spiegherò come acquisire e usare al meglio.

Cominciamo!

 

Odio i miei genitori: come nasce e perché lo provi

Odio i miei genitori

Amare significa desiderare il meglio per qualcuno.

Se ti amo voglio che tu stia bene e sia felice, che tu possa sperimentare gioia e amore nella tua vita. Voglio il tuo benessere, la tua serenità, che ti possa realizzare e vivere appieno.

Odiare è qualcosa di totalmente opposto. L’odio non è indifferenza, distacco, disinteresse.

L’odio è distruzione.

Odiare qualcuno significa volere il suo male, la sua sofferenza, desiderare per una persona tutto quello che noi non vorremmo mai sperimentare.

Odiare qualcuno significa desiderare per lui il peggio possibile.

E spesso l’odio può portarci anche ad agire per infliggere questo “peggio”, per provocare dolore (fisicamente) o sofferenza, per ferire gli altri.

Quando odiamo, subentra una volontà di distruzione che ha un solo scopo: annientare l’altro.

E se anche non agiamo, il semplice desiderio è devastante. Per noi, prima di tutto.

Non dobbiamo mai dimenticare che ogni emozione negativa, odio in prima fila, provoca malessere dentro di noi.

Se odi qualcuno, se ti arrabbi con qualcuno, sei sempre tu la prima persona che sperimenta l’effetto negativo di queste emozioni.

L’odio fa stare male te.
E non è affatto detto che faccia stare male anche le persone che odi.

Anzi, spesso l’odio avvelena te e lascia del tutto indifferenti gli altri, che continuano a vivere la loro vita magari senza nemmeno sapere che cosa provi e pensi.

Odiare è un sentimento devastante perché non è solo un’emozione, ma un modo di pensare e vivere la vita. Tra poco lo capirai meglio.

La domanda è: per quale motivo arriviamo a odiare qualcuno? Perché possiamo desiderare distruzione per una persona?

Io credo ci siano 3 motivi fondamentali, e credo che in uno di questi, o in più di loro, ritroverai anche le ragioni del tuo odio per i tuoi genitori.

 

1. Sofferenza

Sofferenza

La prima ragione per cui potresti odiare i tuoi genitori consiste nella sofferenza che vivi e che ritieni derivi da come loro si comportano nei tuoi confronti.

Ognuno di noi, e tu di certo non fai eccezione, vuole essere felice. Tu vuoi provare gioia, entusiasmo, allegria, vuoi stare bene e vivere una vita positiva e bella.

Puoi arrivare a odiare chi te lo impedisce, anche, o forse soprattutto, se questa persona è chi, in teoria, dovrebbe aiutarti a diventare felice.

Considera questo, altrimenti non comprendi l’importanza di questo punto: tu desideri essere felice più di qualsiasi altra cosa.

Pensa alle cose più preziose della tua vita: persone, relazioni, possibilità, principi.

Tutto ciò che per te ha valore in questo momento, lo ha per una sola ragione: tu credi sia importante per stare bene e che ti renderà felice.

Che sia oggi o domani, magari ti aspetti di stare bene in un’altra vita dopo i sacrifici che stai sopportando, o pensi la gioia sarà il premio tra qualche anno per il tuo lavoro.

Ciò che per te vale, è importante perché lo consideri capace di renderti felice.

La felicità è, senza dubbio, la cosa più importante del mondo per ognuno di noi perché nessuno vuole vivere una vita intera di infelicità e sofferenza.

Non avrebbe senso.

Possiamo quindi arrivare a odiare, a voler distruggere, chiunque ci impedisca di vivere una vita felice.

 

2. Limiti alla nostra libertà

Limiti alla nostra libertà

Strettamente collegato al tema della sofferenza, è quello della libertà personale: puoi arrivare a odiare i tuoi genitori se ti tolgono la libertà di vivere la tua vita.

Se la felicità è ciò che desideri sopra ogni cosa, la libertà è indispensabile per arrivare a questa felicità.

Se i nostri genitori diventano i nostri carcerieri, limitano le nostre scelte, ci bloccano dal prendere le nostre decisioni, è molto probabile che proveremo emozioni negative nei loro confronti.

Parlo spesso con persone che hanno subito le scelte di madri o padri che comandavano e non lasciavano libertà di vivere la propria vita.

È molto difficile che un prigioniero ami chi lo tiene chiuso in prigione. Se i tuoi genitori rappresentano questo, se intrappolano la tua vita nei loro limiti, nelle loro regole, odiarli è facile.

Spesso le persone che mi dicono di essere felici che un genitore padrone sia morto si sentono in colpa per questo pensiero. Ma non ha senso.

Infatti il problema non è se sia giusto essere felici della morte dei propri genitori, ma capire che se loro rappresentano per noi un carceriere è inevitabile desiderare la nostra libertà.

Se vivi tua madre, o tuo padre, come la persona che ti tiene in trappola, è inevitabile che nascano emozioni negative come la rabbia, il risentimento, il rancore e l’odio.

Tra poco ti spiegherò anche come trasformare questi pensieri senza moralismi o reprimere emozioni che oggi senti dentro di te.

Ma ricorda che se qualcuno ti nega la libertà e vivi questa persona come un carceriere, inevitabilmente l’odio sarà dietro l’angolo.

 

3. Colpevoli della nostra vita insoddisfacente

Insoddisfazione

Forse questa è la vera ragione di fondo: arriviamo a odiare qualcuno se lo consideriamo colpevole della nostra infelicità, cioè di farci vivere una vita che non ci piace.

Se i tuoi genitori sono causa della tua sofferenza, significa che sono colpevoli della tua vita infelice.

Se i tuoi genitori sono carcerieri che ti tolgono ogni libertà, significa che sono colpevoli della tua vita infelice e piena di insoddisfazione e amarezza.

Non puoi amare il colpevole della tua sofferenza, non puoi che odiare, alla lunga, chi consideri colpevole di negarti la felicità che desideri più di ogni altra cosa.

Odierai sempre qualcuno che pensi sia colpevole della tua infelicità. Ed è proprio da questo che dobbiamo partire se vuoi liberarti di questo odio e di questa sofferenza.

Se da un lato non puoi cambiare i tuoi genitori, dall’altro non ne hai neanche bisogno: puoi eliminare questa sofferenza anche senza il loro aiuto.

In realtà dipende da te e per capirlo devo spiegarti come funzionano le nostre emozioni e quanto pesa davvero il tuo passato.

 

Come liberarti della sofferenza che ti porti dentro

Cos'è la libertà

Siamo abituati a credere che le nostre emozioni siano la conseguenza di quello che ci accade.

  • Tua madre ti sgrida e tu provi delusione perché ti ha rimproverato.
  • Vinci un concorso e provi gioia perché hai ottenuto un successo.
  • Tuo padre non ti lascia fare quello che vuoi e provi rabbia perché non puoi scegliere.
  • Il tuo partner ti ama e provi felicità perché ricevi il suo amore.

Ovviamente potrei farti molti esempi ma non credo serva.

In realtà, però, tutto questo è sbagliato e pensare che le nostre emozioni siano la logica e inevitabile conseguenza di quello che ci accade è falso.

Sembra vero, lo so, ma è comunque falso.

Le tue emozioni non dipendono da cosa ti accade, ma da cosa ne pensi e da come lo vivi. Si chiama indipendenza emotiva (leggi questa pagina!).

In pratica non è quello che succede a farti emozionare, ma il tuo giudizio.

Non provi emozioni positive di fronte a situazioni positive. Le provi solo se tu pensi che siano qualcosa di buono per te. E lo stesso vale per quelle negative.

Non ha alcuna importanza se quel che stai vivendo sia davvero qualcosa di buono per te. Ciò che conta in fatto di emozioni, l’unica cosa che conta, è il significato che tu dai a ogni evento.

Le mie parole possono ferirti solo se tu le consideri un’offesa, altrimenti non avranno alcun peso su di te.

Non ti capita mai di trovarti in situazioni in cui altre persone hanno reazioni emotive diverse dalle tue? Hai mai riflettuto su come non tutti reagiamo allo stesso modo pur in situazioni uguali?

Per quale motivo, di fronte a un grave pericolo, alcuni entrano in crisi, altri scappano, e altri ancora agiscono con coraggio e restano lucidi?

La risposta è questa: non conta cosa accade ma cosa ne pensi e come lo vivi. Leggi la pagina che ti ho suggerito poco fa, è fondamentale capire questo.

Ma ancora più importante, forse, è comprendere che il passato non provoca emozioni.

Mai.

Dal momento che le tue emozioni sono il frutto di come tu giudichi quello che accade (positivo o negativo per te), l’emozione è sempre presente.

Il passato non conta.

Se oggi provi rabbia per un episodio avvenuto qualche anno fa, questa emozione non sta in quel fatto, ma nel ricordo che ne hai adesso.

Se oggi lo vivi in modo negativo ti arrabbierai, ma se cambiasse la tua visione di quello che accadde, se oggi pensassi in modo positivo a quell’episodio, allora non proveresti più emozioni negative.

Questo è fondamentale perché il nostro odio per qualcuno è legato a fatti e vicende vissute con quella persona. Se consideriamo colpevole nostra madre della nostra sofferenza, potremo odiarla.

Non conta però cosa fa lei, cosa dica o come si sia comportata finora con noi, in passato. Se la odio è per quello che io, oggi, penso di lei.

In realtà tu non puoi portarti dentro emozioni come la rabbia o la sofferenza. Ogni emozione nasce e muore ora, nel giro di pochissimo tempo.

Ho scritto una guida per spiegare come eliminare la rabbia repressa: leggila perché ti mostra bene come nasce l’idea che possiamo reprimere un’emozione.

Non accade mai questo, non conta il passato o i gesti di tua madre o tuo padre. Quello che conta è cosa pensi oggi di loro.

Qualunque cosa ti abbiano fatto i tuoi genitori, l’odio non è la conseguenza di queste azioni, ma di cosa pensi tu di tutto quanto.

Uno dei miei autori preferiti si chiama Leo Buscaglia e sui genitori scrive una cosa meravigliosa nel suo libro Vivere, amare, capirsi:

 

Sapete cosa vi hanno fatto i vostri genitori? Il meglio che potevano fare. Il meglio che sapevano fare, molto spesso l’unica cosa che sapevano fare.

 

Non voglio “giustificare” gli errori che i tuoi genitori possano aver commesso con te, e so bene che i genitori possano essere a volte fonte di azioni terribili verso i propri figli.

Voglio spingerti a capire.

Salvo casi che sono comunque eccezioni, infatti (penso ad abusi per esempio), quasi tutti i genitori fanno del loro meglio e cercano di dare il massimo.

Il punto chiave è capire che la tua sofferenza e il tuo odio non stanno nei comportamenti dei tuoi genitori, nei loro errori e nelle loro mancanze, ma in cosa pensi tu, oggi.

Le emozioni negative fanno stare male te, prima di tutto. Te che le provi. Liberarti dalla sofferenza e dal rancore è impossibile se non ti rendi conto che sei tu a creare queste emozioni.

E non devi farlo per forza, nessuno ti costringe a crearle 😉

L’odio che possiamo provare per i nostri genitori nasce, come detto, dal considerarli colpevoli della nostra infelicità, carcerieri della nostra vita.

E questo non è forse un giudizio?

Siamo noi che scegliamo di vivere una vita in cui loro diventano colpevoli dei nostri problemi e del nostro malessere.

Il punto cruciale è proprio questo: fino a quando vedrai nei tuoi genitori dei colpevoli per la tua infelicità, non potrai che provare sentimenti negativi per loro.

Nessuno ama il proprio carceriere.

Per liberarti di questa sofferenza non serve che i tuoi genitori cambino, devi invece assumerti la responsabilità della tua vita smettendo di darne a loro la colpa.

 

Come vivere una vita felice malgrado i tuoi genitori

Vivere una vita felice

Prima ti ho invitato a leggere la mia guida sull’indipendenza emotiva. Questo è un tema fondamentale perché se non hai tu il “controllo” sulle tue emozioni, starai sempre male.

Se ti rendi conto che la tua gioia, così come la tua rabbia o la tua sofferenza, sono frutto di come vivi quello che accade, dei tuoi pensieri, allora capisci che nessuno ha il potere di fati del male.

A ferirci non sono mai le cose che accadono o le parole che sentiamo, ma come le viviamo. Capendo questo arrivi a liberarti del malessere di cui incolpi oggi i tuoi genitori.

 

Assumerti la responsabilità delle tue scelte

La prima cosa che devi fare è assumerti la responsabilità della tua vita, perché fino a quando vedrai gli altri come colpevoli di fartene vivere una che non ti piace, continuerai a subire e non potrai mai essere felice.

Responsabilità significa, prima di tutto, prendere le tue decisioni.

Qualunque sia la tua età devi renderti conto che siamo sempre liberi di scegliere e che l’ultima parola su ogni nostra azione o decisione spetta sempre a noi.

Nessuno può costringerti a fare qualcosa.

Se non vuoi ascoltare l’ordine di tuo padre, puoi farlo, se non vuoi farmi un favore puoi farlo, se non vuoi fare un regalo a un amico per Natale, puoi farlo.

Tu decidi sempre, ma questo comporta che ti assumi la responsabilità delle conseguenze di ogni tua scelta.

Se tuo padre vorrà punirti per non aver fatto come ti diceva, non puoi impedirlo, se me la prendo quando non sei disponibile, non puoi impedirmelo, se il tuo amico ti allontana per il regalo non ricevuto, non puoi impedirlo.

Assumerti la responsabilità della tua vita significa capire che sei tu a scegliere cosa fare o non fare, ma che ogni tua azione (o non azione) avrà conseguenze e reazioni che non puoi controllare o decidere.

Se non accetti questa responsabilità, non sarai mai veramente libero, o libera, di vivere la tua vita senza subire le decisioni degli altri.

  • I tuoi genitori possono vietarti di uscire il sabato sera, ma tu puoi trovare un modo divertente di trascorrere la serata a casa tua senza starci male.
  • I tuoi genitori possono negarti i soldi per comprare qualcosa che desideri, ma tu puoi trovare una soluzione diversa, fare a meno di quel che volevi acquistare e vivere bene ugualmente.
  • I tuoi genitori possono criticare le tue decisioni facendoti sentire in colpa per le tue scelte, ma tu puoi capire che è il loro punto di vista e fare comunque le tue scelte.
  • I tuoi genitori possono decidere di non rivolgerti la parola per un tuo comportamento, e tu puoi accettarlo, restare tranquillo, o tranquilla, e aspettare che gli passi.

Questi sono solo alcuni esempi con cui sto cercando di farti comprendere la cosa più importante: puoi decidere della tua vita, sempre.

Se ti assumi la responsabilità delle tue scelte, e delle loro conseguenze, scoprirai che siamo padroni della nostra vita. E da qui arrivi al punto chiave: creare la tua felicità.

 

Creare la propria felicità

La mia ricetta per la felicità

Se la felicità è un’emozione, e ognuna dipende da cosa pensi e non da cosa ti accade, allora capisci che niente ti può impedire di essere felice.

Come detto prima, i tuoi possono tenerti in camera il sabato sera, ma sei tu che decidi se trascorrerai quelle ore provando rabbia per “l’ingiustizia” subita, o facendo qualcosa di piacevole e divertente.

I tuoi amici possono preferire altre persone alla tua compagnia, ma sei tu a decidere se soffrirai per una loro scelta (tu non hai mai preferito qualcuno ad altri?) o se deciderai come trascorre il tuo tempo diversamente, facendo qualcosa che ti piace e ti entusiasma.

Non ha importanza dove ti trovi, se sei in casa, in un locale vuoto o alla festa dell’anno: la felicità non ha niente a che vedere con la situazione e la presenza degli altri, ma solo con il tuo atteggiamento.

Questo potere, quello di decidere se essere felice, è così enorme che nessun genitore potrà mai toglierlo al proprio figlio.

MAI.

Nessuno può privarti della capacità di vivere una vita felice.
Solo tu puoi farlo.

Se ti ricordi che alla base dell’odio per qualcuno, per i tuoi genitori in particolare, sta la paura che loro siano causa della tua infelicità, allora ti rendi conto che non ha senso vivere così la tua vita.

Loro, come nessun altro, hanno il potere di renderti infelice.

E non devi aspettare di poter fare qualcosa che ti faccia stare bene: l’entusiasmo devi metterlo tu nelle cose che fai, la gioia e l’allegria sono scelte che non capitano ma dipendono da te.

Ecco alcuni consigli preziosi:

  1. Impara a sviluppare un sano ottimismo: vedere la realtà in modo positivo ti darà il potere di scegliere la felicità quando preferisci.
  2. Impara a comunicare in modo diverso: per litigare, si deve essere in due e tu puoi rivoluzionare ogni tua relazione “semplicemente” cambiando il tuo modo di comunicare.
  3. Scopri cosa ti impedisce di essere felice: non è ciò che accade, come detto, ma il tuo approccio alle cose.
  4. Non farti fregare dalla soddisfazione e dal piacere: queste cose non sono positive come pensi e ti terranno lontano dalla felicità vera che cerchi.
  5. Impara a vivere con allegria: ridere è fondamentale se vuoi vivere una vita felice.
  6. Costruisci dentro di te le tue certezze: una percorso di crescita personale è indispensabile per liberarti dall’odio e dal rancore.
  7. Cerca l’amicizia vera: impara a costruire relazioni positive con tutti gli altri.
  8. Ama te stesso, o te stessa: starai sempre male e sarai sempre in balia delle scelte (a volte sbagliate!) degli altri se non impari ad amarti davvero.
  9. Non avere paura della solitudine: se la temi e cerchi di evitarla, starai sempre peggio.
  10. Sviluppa una sana autostima per eliminare la paura dei giudizi degli altri e imparare ad avere fiducia nelle tue capacità.
  11. Impara a fidarti degli altri: la fiducia non confonderla però con l’ingenuità e non devi per questo assecondare gli altri.

Queste sono alcune delle guide che ho scritto nel sito per offrirti ulteriori strumenti concreti.

L’odio scompare quando ti rendi conto che i tuoi genitori non possono negarti la felicità.

Rimane un ultimo passo, forse il più importante, ma anche, ovviamente, il più difficile e impegnativo.

 

Perdonare chi ci fa del male

L’unica vera cura all’odio, alla rabbia e al rancore è il perdono.

Se hai odiato qualcuno, se provi risentimento per come ti hanno trattato, solo riscoprendo l’amore verso questa persona, con il perdono, potrai davvero diventare felice.

L’idea che l’indifferenza sia la strada giusta è un errore.

Essere indifferente significa continuare a provare emozioni negative al punto che dell’altra persona non ti interessa nulla.

L’indifferenza è una trappola, il perdono è la soluzione a ogni dolore.

Considera che questo è un tema complesso a cui ho dedicato una guida molto ricca che ti suggerisco di leggere.

Ci sono due cose importanti da capire bene:

  1. Perdonare non significa continuare a subire. Perdonare è una questione emotiva, mentale, per cui comprendi che la tua felicità non dipende dalle azioni degli altri e arrivi a comprendere l’infelicità che si trova dietro ogni azione violenta ed egoista.
  2. Perdonare non ti impone di restare in una condizione di pericolo, anzi: devi allontanarti da situazioni dannose per te. Amare significa volere il bene degli altri, e puoi amare anche se prendi le distanze da qualcuno che, per i suoi limiti, tende a farti del male.

Il perdono è comunque un percorso, un lavoro che devi considerare una meta da raggiungere nel tempo: non ha senso importelo adesso.

Devi prima assumerti la responsabilità della tua vita ed eliminare tutte le emozioni negative che provi oggi. Solo dopo arriverà anche il perdono.

E se vuoi un consiglio per iniziare a mettere in pratica i primi due passi (responsabilità ed eliminare le emozioni negative), lascia un commento e ti darò volentieri una mano.

La Scuola di Indipendenza Emotiva

Logo Scuola di indipendenza emotivaMettere in pratica ciò che hai letto, riuscire davvero a stare bene nonostante sfide e difficoltà, è un percorso personale che richiede impegno e pazienza.

Ti assicuro che puoi diventare più forte di qualsiasi problema. Ne avrai sempre, ma non ti faranno più stare male.

Io ti offro i 3 ingredienti per riuscirci in meno tempo e con meno fatica:

  • Un percorso chiaro, graduale e concreto da seguire ogni giorno.
  • Momenti di confronto e condivisione in cui rafforzare questo processo.
  • Supporto individuale e riservato ogni volta che ne avrai bisogno.

Se entri nella mia scuola facciamo un patto: io ti insegno tutto quello che ti serve per diventare felice, tu lo fai.

Iscriviti GRATIS ⇒

5 Verità sulla tua vita

Ci sono 5 verità che ti riguardano da vicino e che in questo preciso momento stanno decidendo chi sei, se sei felice, perché hai trovato il mio sito.

In 5 semplici domande ti aiuterò a scoprirle.

Inizia il test

Da quasi 10 anni mi occupo di felicità: la studio, la osservo, la vivo e la condivido. La mia missione è aiutare tutti a cambiare la propria vita ed essere felici. Su Diventarefelici.it porto la mia esperienza personale e quella delle tante persone che ho conosciuto e aiutato in questi anni per dare il mio contributo: voglio migliorare questo mondo, e più persone diventeranno felici, più ci riuscirò. Questa è la mia missione.

48 Commenti

  1. Facile dirlo quando si è adulti e non hai più i genitori intorno (potevo insultare, ma mi sono contenuta). Per attuare queste regole ci vuole mooooolta pazienza, fiducia in se stessi e ottimismo. Bè io non ho nessuna di queste qualità, perché grazie ai miei genitori hanno coltivati in me, anno dopo anno, la vergogna, il disprezzo, vuoto d’amore nella mia persona. Mi hanno inflitto dei traumi gravi (anche abusi) e più passa il tempo, li maledico di avermi fatto. Quale persona sana di mente si mette a procreare quando ha la consapevolezza non essere in grado di crescere un figlio? Vogliamo parlare dei dispetti che ti fanno? Dell’anaffettività? Ogni mio compleanno non è mai stato festeggiato. Quando ho preso la patente non ho fatto nessuna festa e ovviamente non si sono congratulati (Figuriamoci se mi fanno usare la macchina perché tanto gliela rompo). Non sono mai andata a una gita scolastica. Non mi hanno insegnato a nuotare e andare in bicicletta. Non so cosa sia il senso della famiglia grazie a loro. Ho 20 anni e non sono mai andata in discoteca, in realtà la cosa non mi ha mai scocciato. Potevo farne a meno. Ma sono segregata in casa, ho zero vita sociale. Ha anche analizzato, per caso, le conseguenze di un’infanzia così? Nuova scoperta: attacchi di panico e ansia. Congratulazioni! Applausi! Come si può definire tutto questo con “hanno fatto tutto il meglio e possibile per i figli.”? Ma per favore!

    • Ovviamente non parlo per ogni singolo caso, ogni storia è differente.
      Però che loro abbiano agito nel modo migliore o con cattiveria, la realtà resta la stessa e di certo o cambi modo in cui affrontarla, oppure starai come sei sempre stata.
      La vita è tua, o cambi tu le cose, partendo da dentro di te, non fuori, oppure potrai continuare a lamentarti e starci male. E tu stai male, quindi sei tu che devi provare a fare la differenza.
      Se vuoi possiamo farlo insieme: leggi questa pagina e decidi se ti va di provare a scardinare tutto 🙂

    • Io oggi mi sono voluta bene. Sono uscita da questa stupidissima casa, lasciandomi alle spalle ogni negatività dimenticandomi per qualche ora dei problemi e sono andata a trovare una mia amica dal carattere d’oro….anche se solo per un pomeriggio…ho avuto uno spicchio di serenità. Mi ha fatto bene. Ora voglio ripensare solo a questa parte della giornata…il resto me lo faccio scivolare.

  2. Mi dispiace, non volevo esagerare…per quanto riguarda lo psicologo son già in terapia da una dottoressa…ma non fa altro che dirmi di curarmi con i farmaci. La rabbia a mio parere non va repressa come ho fatto io per anni e neanche aggiustata con la pilloletta. Dopo tutto se vedi tua madre star male ti viene quella angoscia…la paura che muoia…sei fragilissima emotivamente e vedere tuo padre che la tratta male non può che farti scattare odio e rabbia. Credo sia una reazione normale..poi giustamente devo moderarmi quando scrivo sul tuo sito.ok ti chiedo scusa ancora. Ma avevo un bisogno di sfogo…

      • Il mio problema cruciale..sarebbe il pagamento..non saprei come effettuarlo….attualmente sono disoccupata e non voglio nemmeno chiedere al dittatore. Problema enorme… Comunque puoi cominciare a darmi maggiori informazioni riguardo le modalità di pagamento???? Poi ci penso…e se e vero che le donne ne sanno sempre una più del diavolo troverò il modo….

        • A parte che “il dittatore” ti risarcirebbe almeno un po’, forse ci sta 😉
          In ogni caso puoi pagare come preferisci: paypal, carte, postepay, quello è l’ultimo dei problemi 😉

  3. Caro Giacomo, mi e capitato di provare odio per mio padre una volta in particolare e lì lui poverino non centrava nulla. Sono sempre stata molto timida ma una volta ho trovato il coraggio di dichiararmi ad un uomo più grande di me. Non e andata bene…lui era già impegnato..non so dirti perché le uniche parole che mi sono uscite dalla bocca sono state: ti odio papa. Ma cosa centrava lui??? Credo che abbia a che fare col fatto che lui mi ha sempre iperprotetta ma non mi ha evitato la delusione. E come poteva???? Mi aspettavo forse che intervenisse al mio posto??? Assurdo. Lì ho fatto una scelta..la più difficile…quella di uscire dal mio angolino e farmi avanti per esternare i miei sentimenti a una persona che però non era interessata a me. Quindi la colpa non e di nessuno. Questo conferma quello che hai scritto tu e cioè che siamo sempre liberi di scegliere. Io in quell’occasione ho scelto….di esternare i miei sentimenti ad un uomo(cosa assolutamente non facile) e mi sono presa pure le conseguenze. Ho corso un piccolo rischio, sentirsi dire no non è mai piacevole) fisicamente ero distante metri e metri da mio padre. Perche addossargli una colpa che non ha?

  4. Per Dario: io ho provato a volare…ti dirò è un po’ fastidioso il decollo e pure l’atterraggio è bruttino. Ma in fondo è una bella esperienza. Vale la pena vincere la paura. Al massimo vai con un’altra persona…e ti fai tenere per mano chiudi gli occhi nella fase iniziale del decollo e poi vedrai che andrà tutto bene.

  5. Il punto e che sono cosi tanti e cosi confusi che faccio fatica a a capire e una matassa che non riesco a snodare in questo mix si fa sentire prepotente il bisogno di comunicazione quindi credo che ci sia una parte di me che vuole uscire dalla sofferenza. Questo e positivo. Ho sempre soffocato il malore cercando distrarre la mente con musica o altro. Ma questo e ogni giorno più forte e non riesco a capire anche perche con i genitori….c’è un clima di terrore in casa quindi e vietato parlare e men che meno dir loro che sto male.

    • Ciao Laura,
      o inizi a gestire le tue emozioni e ti liberi di quelle negative, con o senza la collaborazione dei tuoi genitori, oppure continui a starci male.
      Indipendenza emotiva, non ci sono altre strade 🙂

  6. Come posso tramutare in positivo le sensazioni negative che mi prendono di prima mattina??? Non capisco il motivo ma mi sveglio piangendo. So che sto male e non mi e chiaro il motivo. E un mix tra ansia depressione stanchezza tristezza senso di vuoto ma anche tanta voglia di comunicare a qualcuno il mio disagio. se posso scegliere di vivere bene allora potrei anche trasformare questo malore (che di prima mattina fidati e proprio invasivo) in emozioni positive. Cosa mi consigli????

    • Ciao Laura,
      devi osservare i tuoi pensieri, comprendere come crei queste emozioni e questo malessere.
      Non solo la mattina (magari non ti sembra di pensare a nulla appena sveglia!) ma in generale, conoscere a fondo come vivi le situazioni, scoprire che senso hanno per te, comprendere come affronti ogni cosa. Oggi, non in passato. Il passato non conta 🙂
      Inizia leggendo questa pagina, e se vuoi sentiamoci e ci lavoriamo su insieme.

  7. Si vivo con i miei. Posso capirti quando dici che sei ancora condizionata da tuo papa. E’ capitato anche a me di sentirmi “perseguitata”da lui anche in momenti in cui ero distante fisicamente. Tipo quando ero in vacanza col mio ex. Certi condizionamenti ti rovinano la vita. E capita anche a me di non riuscire a gestire le mie emozioni. Il mio medico mi dice sempre di allontanarmi di rendermi autonoma che non e mai troppo tardi. Credo che anche se lo facessi cominciando da subito un percorso di separazione mi resterebbero ormai dei danni psicologici permanenti. (anche gravi). Quindi ti capisco alla perfezione. Tu hai un vantaggio rispetto a me non hai quello stretto contatto con loro che rende pesante la vita quotidiana. Fatti aiutare (per quel che è possibile) da uno psicologo..ad uscire dal condizionamento di tuo papa. Io pure ci ho provato ma con me non ha funzionato perche continuando a frequentarli….era come cercare di svuotare una stanza piena d’acqua a secchiate senza chiudere il rubinetto. Tutto il lavoro terapeutico cadeva giù. Ma stando distante hai quel vantaggio di poterti prendere tempo per elaborare ciò che il terapeuta dice e metterlo in pratica. Provaci e buona fortuna.

      • Era un paragone..mio padre e Hitler somigliano molto. Provocano dolore ma non se ne rendono conto. Mio padre comanda.. Lui e il capo e gli altri non contano nulla. Forse il paragone e un po esagerato. Ma e per far capire come io mi possa sentire oppressa come se fossi chiusa in un campo di concentramento. Prigioniera e impotente.

        • Da qui devi partire: iniziare a prendere in mano la tua vita, altrimenti, come hai letto, questo senso di impotenza e frustrazione ti porterà a odiare sempre più quest’uomo e a soffrire sarai comunque tu che provi questa emozione.
          Se vuoi sentiamoci, così ti aiuto a capire come farlo concretamente nelle situazioni che vivi. Da questa pagina puoi scegliere quando 🙂

  8. Io lavoro di fantasia…mio padre a cosa assomiglia??? Alla fine e un pensionato onesto che si e fatto un culo quadrato..vittima del sistema…quindi e paragonabile se vogliamo giocare con le immagini a un grande pollo alla diavola. Pero dico perche con la tua famiglia fai il dittatore? Non potevi usare questa cattiveria fuori dalle mure domestiche e crearti una vita più soddisfacente? Ma non devo pormi domande devo solo vedere lui come un poveraccio..ed ecco che la mia rabbia nei suoi confronti si trasforma in pena…che pena mi fa..

    • Arriva alla comprensione.
      Anche il più tirannico dei genitori piange. Ha pianto. Soffre e ride, come te.
      Solo se lasci andare le emozioni negative e impari a comprendere gli altri, tutti (amando), allora togli il dolore che senti e la sofferenza svanisce.
      Esistono solo due cose: amore e paura. O vince l’una, oppure l’altra 🙂

    • Ciao Laura,
      Io ho lo stesso tuo problema. Non sopporto più mio padre. Invece di pensare al bene della figlia , cerca solo di imporre le sue scelte. Tutti in famiglia devono fare quello che dice lui.
      Il problema è che negli ultimi 5 anni le mie emozioni stanno peggiorando sempre di più e ormai non riesco neanche più a portare avanti un rapporto di coppia. Dopo circa 2 mesi inizio a sabotare il rapporto con litigate e scatti di aggressività, lasciando diverse volte il compagno fino a che la storia non finisce del tutto. E lì sta male lui e sto male anche io.
      Adesso non riesco neanche più a dare spazio ad un uomo di farsi conoscere.
      Penso che le emozioni negative verso mio padre siano diventate croniche e adesso si fa fatica a tornare indietro.
      Cerca di risolvere il tuo modo di vederlo prima possibile altrimenti ti ritrovi come me a 38 anni senza una famiglia e senza amore da e per nessuno. E questo fa soffrire!

      • Non è mai troppo tardi Michela 🙂
        Se inizi a fare un percorso verso l’indipendenza emotiva, potrai riprendere in mano le tue emozioni e tornare a vivere in modo positivo, imparando ad affrontare in modo nuovo anche il rapporto con tuo padre. Se non fai nulla, non ottieni nulla.
        Leggi questa pagina e proviamoci insieme 🙂

      • Cara Michela, temo di essere già nella tua situazione. Ho anch’io 38 anni e sono sola….ho solo i miei….e una sorella sposata che si scaglia sempre contro me e da man forte al dittatore. Io son piena di voglia vivere e amo dar spazio alle mie emozioni…ma i miei carcerieri col loro atteggiamento spesso mi trasmettono negatività e le mie emozioni positive si perdono.

        • Assumersi la responsabilità.
          Questo è un passo indispensabile.
          Se faccio quel che ho fatto negli ultimi mesi, e non vedo miglioramenti, non devo pazientare, devi agire in modo diverso. Oggi.
          Oppure domani sarà come ieri 🙂

        • Ciao Laura,
          Tu abiti con i tuoi genitori? Io mi sono trasferita a 700km di distanza da loro 10 anni fa ma con la distanza la situazione è peggiorata sempre di più. Forse inconsciamente pensavo di poter essere indipendente e sentirmi meglio ma la serenità è durata pochi anni. Anno per anno ho capito che l’abitudine di fare quello che voleva papà l’ho riportata in tutti gli ambiti della mia vita. Non riesco a riconoscere le mie emozioni, quello che provo e quello che mi piace fare. Mi adeguo a fare quello che piace ai miei amici e ho l’abitudine di dire sempre si a tutti. Adesso sto anche peggiorando e sto allontanando tutti. Non voglio piú dire si e quando lo dico mi pento e poi disdico tutto all’ultimo momento preferendo rimanere in casa da sola. Non so se anche tu vivi questa situazione. Al momento avrei bisogno di cambiare totalmente la mia vita come conseguenza di una mia scelta. Cambiare lavoro, casa, amicizie… Ci sto pensando. Vedremo.

  9. Innanzitutto complimenti per l’articolo, fatto molto bene…ma se mi permetti vorrei fare una piccola critica, il punto riguarda il fatto del libero arbitrio e di poter decidere sempre e comunque e diventare maturi al punto tale di prenderci le nostre responsabilità e conseguenze… Non sono totalmente d’accordo, se da un lato è vero che l’ultima parola spetta a noi dall’altro non tieni minimamente in considerazione e nemmeno accenni alla potentissima manipolazione psicologica attuata fin da piccoli dai genitori, traumi che possono riemergere da una semplice parola detta al telefono perché addestrati fin da piccoli a reagire a quelli stimoli… Bell’articolo ripeto ma è molto più complicato di così…

    • Giacomo ovviamente la domanda te l’ho fatta dopo aver letto l’articolo sull’indipendenza emotiva…secondo me è comunque un agire su base superficiale…anni e anni di indotrinamento, di programmi mentali e di risposte a stimoli non si cancellano così facilmente…si può migliorare e creare uno strato protettivo più cosciente che lavora da schermo tra le risposte automatiche e la capacità di riconoscerle(molti non sanno nemmeno farlo) ma rimane sempre un cambiamento superficiale secondo me solo utile e riconoscere il problema ma non a rivoltarlo.

      • Prova, arriva all’indipendenza emotiva e poi ne parliamo… puoi cambiare tutto e in modo profondo.
        Ovviamente non in due giorni, ma il percorso che propongo è la cosa più efficacie che abbia mai visto, e non si basa su tecniche, ma su un cambiamento consapevole, voluto e profondo 🙂

  10. Ciao, sono un’adolescente e vivo un rapporto conflittuale con i miei genitori perché loro mi fanno sentire in una gabbia dorata: ho tutto dal punto di vista materiale, ma non posso passeggiare da sola, tornare a casa mia dopo scuola (pranzo da mia nonna) da sola, ma devo sempre aspettare qualche ora perché i miei parenti riescano a condurli a casa per studiare, non posso nemmeno andare al cinema da sola, e so per certo che tutte le mie coetanee lo fanno. Mio padre é più d’accordo con me, ma mia madre, quando le propongo l’idea di farmi tornare a casa a piedi da sola (1 km) mi ride in faccia, letteralmente. Provo rabbia, forse odio, umiliazione e vergogna, risentimento, amarezza. Come posso smettere di orovare queste emozioni negative? Questi che ho portato sono solo alcuni esempi, ma potrei andare avanti all’infinito a citare ciò che mi infastidisce del loro comportamento. Molto probabilmente nessuno riuscirà davvero a capire come mi sento, ma il tuo articolo mi ha incuriosito molto.
    Inoltre, ogni volta che provo a parlare con i miei genitori piango, non so perché, e loro cominciano ad assecondarmi, sospirare e promettere cose che non manterranno mai. Puoi darmi un consiglio?

    • Ciao Giulia,
      probabilmente tua mamma ha paura. Evita di fare paragoni tra te e le altre ragazze della tua età: loro non sono te e non hanno la tua famiglia.
      Guarda al tuo e troviamo una soluzione.
      A che ti serve fare queste cose da sola? Per quale motivo per te è così importante?

  11. Ciao sono un ragazzo di 19 anni come faccio ad essere libero se mio padre è un dittatore…non mi ha mai mostrato affetto, mi menava quando facevo cio che non volevo, mi imponeva quello che dovevo fare non mi permette di praticare le mie passioni….oro sto sto andando all’universtà cosi che quando avro finito lavorando potrò andarmene…ma ora come faccio visto che finchè vivo con lui devo fare quello che dice?non posso lavorare perchè tra lezioni obbligatorie e studio a casa per uscire con il massimo non ne ho il tempo

    • Ciao Dario,
      scegli.
      Se vuoi studiare al massimo e ti serve il suo aiuto (economico e abitativo, diciamo così), allora devi accettarne le condizioni.
      Ovviamente potresti trovarti un lavoro e mantenerti da solo gli studi, anche se sarebbe faticosissimo. Se compatibile con le lezioni.
      Scelte. Leggi questa pagina.

  12. Ciao grazie Giacomo per tutti I consigli 🙂
    Mi vorrei soffermare su punto del perdonare….
    Cerchero di essere sintetico perchè la storia intera è troppo lunga.
    Sono cresciuto con mia madre,mio “padre” non c è mai stato e non ho mai dato peso a questo fatto quando ero un bambino,proprio quando ero un bambino (3 elementare) piomba lui dal nulla a scuola mia dicendo che era mio padre
    Che aveva un sacco di problemi per quello non si è mai fatto vedere (sapevo che era stato in carcere)quindi lo perdonai nel giro di un anno più o meno è risparito nonostante cio non ero triste,avevo troppe ragioni per sorridere…
    Di nuovo compare qundo ero in 3 media lo perdono ci vediamo ogni tanto, ma non siamo mai riusciti ha instaurare un rapporto padre figlio… in seconda superiore mia madre e pure il suo compagno vanno in maracco quindi vado da mio “padre” la sua moglie e il loro figlio nato da poco
    Mi trattava con distacco una sera mi disse io faccio la mia vita e tu fai la tua (senza cattiverie una frase cosi resta in testa)
    Arrivo al punto anche lui va in marocco non mi chiama per più di un mese e quando torna lo incontro che passava in bici non s è preso manco la briga di fermarsi…
    Da li non ci siamo più parlati… quando ci vediamo facciamo finta di non conoscerci…
    Non mi è mai fregato nulla di lui quindi non capisco perchè mi fa arrabbiare…
    Ci sarebbero tante cose da dire ma mi fermo qui.
    Grazie delle risposta in anticipo

  13. Ciao Giacomo bella la tua missione…anche io nel mio piccolo cerco di contribuire alla felicità altrui!
    Da poco sono finalmente riuscito ad aprire il mio primo blog e a fare un piccolo report che ti invierò al più presto per avere un tuo parere!Grazie!
    Buona Luce P.

  14. Ti seguo molto volentieri e cerco di mettere in pratica quello che insegni, ma purtroppo non posso proprio perdonare la persona che ritengo mi abbia distrutto la vita, portandosi via tutto quello che avevo costruito e in cui avevo creduto per tantissimi anni.
    Cerco di distogliere il mio pensiero ogni volta che mi si ripresenta, ma di perdono proprio non se ne parla. Il dolore è meno intenso di prima, ma nonostante sia già passato qlc anno dall’accaduto, mi scontro spesso con questioni che la riguardano.
    So che l’unica a stare male sono io, ma sapere che mi ha sostituita in tutto e che è accettata di buon grado da tutti, come fosse la cosa più normale del mondo, è qlc che ancora non riesco a digerire.
    Spero che il tuo libro mi aiuti e di interpretare bene e mettere in pratica nel modo giusto tutti i tuoi suggerimenti.
    Grazie, Lory

    • Ciao Lorenza,
      lo spero anche io. Ricorda che il perdono va considerato come qualcosa che arriva alla fine di un percorso.
      Non ci pensare neanche, non dirti “non posso perdonare”, procedi e vediamo cosa accadrà 🙂

  15. ciao giacomo…io provo odio x la mia ex…sto male soffro e piango perche’ la vd tt i gg al lavoro,oltretutto cn il suo nuovo compagno k lavora li pure lui..m rendo conto ultimamente k osservo piu la sua vita k la mia..x esempio s vd la sua macchina o no e capisco k e’ andata via cn lui,o cs del genere…MA T PARE..e’ piu forte di me nn riesco a farne a meno,e’ una maledizione…al lavoro va male xe ce lei e a casa nei week end sto male perche’ m ritrovo da solo e quasi nn so cs fare..oltretutto qll k m fa piu’ rabbia e’ k a volte lei m parla ancora cm s nn fosse successo niente…m sento stupido a parlare d qst cs ma 6 l unico k m conforta(anke perche’ tt sminuiscono la cs qnd racconto certe cs)…sopratutto qnd leggo le tue mail..m aiutano a vedere le cs da una prospettiva migliore…pero’ sento k sto arrivando VERAMENTE AL LIMITE!!!

    • ..p.s ….so k nn dovrei dire certe cs ma m vengono in automatico(forse la nostra cultura cn cui siamo educati ad agire)e poi s nn ne parlo cn te k sei il mio mental coach….perrrrrrche’ lei k m ha lasciato,m ha fatto soffrire,e m fa continuamente piangere s e’ rifatta una storia cn un altro sotto i miei occhi x giunta ed io continuo a soffrire x qst cs nn riuscendo a ragire…perche’ a lei dv andare tt bene in qst casi e a me no k m sn sempre comportato bene ???ESISTE UN PO D GIUSTIZIA IN QST????PORC P…..(SCUSA..)(IO NN SN NEX X GIUDICARE E NN DOVREI NEMMENO FARLO…PERO C TENEVO A SCRIVERTI CERTE COSE)

  16. Leggo con piacere le cose che scrivi e spesso penso che sono cose che dentro di me ho sempre saputo; è difficile metterle in pratica ma ci provo ogni giorno e i tuoi messaggi mi aiutano a non dimenticare …

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here