Silenzio punitivo: come renderlo inutile e impotente

Oggi parliamo del silenzio punitivo.
Di che si tratta?

Come è facile intuire, si tratta di quel silenzio con cui gli altri cercando di punirti per qualcosa.

Magari tu commetti un errore e l’altra persona ti punisce restano in silenzio, rifiutandosi di parlarti.

Potrebbe essere una parola di troppo, una tua scelta non gradita, uno sbaglio a lavoro.
Il silenzio può essere usato per punire in qualsiasi contesto o relazione.

E spesso le persone, se gli chiedi se qualcosa non va, ti diranno “no, tutto bene!” per poi tornare a chiudersi nel loro silenzio.

E punire te per qualcosa che non apprezzano.

Come si affrontano i silenzi punitivi?
Partendo dal capire dove sta la loro forza.

La prima domanda che farei è cosa fai tu quando ricevi un silenzio punitivo?

 

Silenzio punitivo: dove sta la sua forza

silenzio punitivo - Ragazza in atteggiamento di silenzio e di umore negativo

Molto spesso chi subisce questi silenzi si chiude.
Si chiude e inizia a porsi molte domande.

Della serie: loro restano in silenzio, io comincio a mettermi in discussione:

  • Avrò detto qualcosa di sbagliato?
  • L’avrò ferita?
  • Sono stato scortese?
  • Ho esagerato?
  • Sarà colpa mia se non mi parla?
  • Possibile che sbaglio sempre?

E altre mille e diverse domande che nascono da un punto chiave: non sai cosa pensa l’altro.

Chi usa il silenzio punitivo non ti attacca, non ti aggredisce, non alza la voce.
Se ci pensi non fa “niente” contro di te.

E questo porta facilmente a sentirci noi in errore.

Non siamo attaccati, anzi l’altro si allontana, per cui alla fine ci sentiamo in colpa e pensiamo di avere sbagliato.

Ma il senso di colpa non è MAI un’emozione sana.
Si tratta invece di un’arma molto potente per manipolare gli altri.

Un punto debole su cui fa presa il silenzio è l’incapacità di amarci.
Se ti ami, i silenzi punitivi non funzioneranno davvero.

Tu sei capace di amarti DAVVERO e in modo sano?
Scoprirlo subito con il nostro test gratuito.

Chi usa il silenzio per punirti di fatto cerca di manipolarti.
Non è un questione patologica, mi sembra importante dirlo.

Oggi il “narcisismo” va di moda.
Ma come spiega Allen Frances, psichiatra curatore del DSM, la malattia mentale è l’eccezione.

Secondo le sue stime, solo un 5% circa delle persone ha un disturbo mentale.
Se leggi i social o apri al televisione, sembra che siamo circondati dai narcisisti.

Molto probabilmente, a essere onestisu 100 persone che lo sembrano, SOLO 5 SARANNO veramente narcisiste.

Le altre?

Stanno bene ma usano anche il silenzio punitivo per farti sentire in colpa e ottenere quello che desiderano.

Già, e chi di noi non cerca di ottenere ciò che desidera dagli altri?

Certo, non sempre con il silenzio punitivo, ma con altri mezzi che comunque vogliono convincere le persone a fare come desideriamo noi.

Chiarito che i narcisisti veri sono un’eccezione, perché il silenzio punitivo è così potente?

Perché sei tu a dargli potere.

 

Come dai potere ai silenzi punitivi degli altri

Una ragazza mi scrive che di fronte a questo comportamento si fa mille domande, dubita di sé e se non può avere risposte dall’altro si chiude e si abbatte.

Noti cosa hanno in comune tutte queste reazioni?

Esatto, le fa lei.
Non è il silenzio punitivo il problema.

Il problema è se io, partendo da quel silenzio, mi giudico negativamente.

Infatti spesso questi silenzi funzionano bene con chi ha la tendenza a giudicarsi male (un po’ tutti purtroppo!) e non ha una sana autostima (anche qui problema molto generale!).

Non a caso il principale dei 9 errori dell’autostima è quello del giudizio.
Ma non esiste peggiore giudizio del tuo.

Infatti se c’è una cosa che dà potere ai giudizi negativi degli altri… è avere noi un giudizio negativo di noi stessi.

Quante volte ti sarà capitato di fare qualcosa su cui tutti sono contrari.

Ognuno di noi, probabilmente, ha sperimentato una volta in cui era talmente convinto di fare quella cosa che niente e nessuno ha potuto fermarlo.

Il motivo?
Se io CREDO fortemente in qualcosa, nessun giudizio mi tocca.

Allora capisci che il potere del silenzio punitivo non è nel silenzio.

Nessuno, per quanto possa essere davvero un narcisista, ha ALCUN POTERE di manipolarti.

La manipolazione è solo un tentativo.
Per funzionare, devi stare anche tu al gioco.

 

Come rendere inoffensivo ogni silenzio punitivo

Quando sviluppi la tua naturale indipendenza emotivanon c’è persona al mondo che possa manipolarti.

Neanche il più perverso dei narcisisti potrebbe nulla.

Ma questo non viene mai detto purtroppo

Ecco come affrontare il silenzio punitivo:

  • Riconosci che quel silenzio non riguarda te, ma l’altra persona (lei scegli il silenzio, non è colpa tua)
  • Osserva obiettivamente cosa hai fatto (se hai sbagliato puoi rimediare o chiedere scusa, senza sentirti in colpa)
  • Osserva i giudizi negativi che affiorano alla mente e mettili in discussione (non prenderli MAI per oro colato)
  • Sviluppa una sana autostima per non dare potere agli altri di condizionarti.

Sull’ultimo punto ti consiglio questa lezione gratuita in cui spiego i 9 errori dell’autostima.

Una cosa importante è non confondere la realtà con i comportamenti degli altri.

Se qualcuno vuole punirti con il proprio silenzio NON significa che hai sbagliato.
Significa che a quella persona non piace qualcosa.

Ma potrebbe essere la cosa giusta, la migliore per te.
Devi essere tu a valutare.

Il tema dei giudizi è molto importante e ripeto: i tuoi sono più importanti di quelli degli altri.

Le persone potrebbero pensare malissimo di te, ma se tu hai la certezza di star facendo la cosa giusta, andrai avanti.

Non guardare a cosa dicono gli altri.
Chiediti invece: “Io cosa ne penso?

Il tuo giudizio è il reale responsabile della tristezza, dell’inadeguatezza o dell’insicurezza.

Non cosa dicono gli altri.

E questo vale praticamente sempre.
E vedrai tra i 9 errori che il punto torna praticamente in tutti.

Concludo con un’altra lezione gratuita.
Anche questa è tratta dalla nostra Masterclass di Indipendenza Emotiva.

Se ricordi una delle reazioni probabili di fronte al silenzio punitivo è farsi tante domande.
Di solito il silenzio funziona se ti fai le domande sbagliate.

se stai male di fronte a questi silenzi, sì, hai in testa le domande sbagliate.
In questo video ti mostro quelle principali che uso come mental coach.

Sono e domande che possono liberarti la mente dai dubbi dei silenzi punitivi.

 

Riprenditi il potere di essere felice

Ricorda sempre: non è il silenzio ad avere potere.
Tutto dipende da cosa tu pensi di fronte a questi silenzi.

Sviluppa la tua indipendenza emotiva, e non ci sarà mai nessuno che sarà più in grado di condizionare la tua vita.

Perché l’indipendenza emotiva è così importante con il silenzio punitivo?

Per un motivo molto semplice: emozioni.
Cosa dà potere a questi silenzi?

Il tuo malessere.
Pesaci…

Se tu, davanti al silenzio dell’altro che vuole punirti, restassi in una condizione di calma e serenità
Ti faresti il problema?

Chiaramente no.
Questo silenzio diventa un problema se è collegato alla sofferenza.

Per cui siamo sempre nel campo delle emozioni.
l’indipendenza emotiva è la chiave di volta.

Considera che l’emozione è una reazione valutativa.
Ossia dipende sempre da un giudizio.

Esatto: il tuo giudizio.

Ogni volta che qualcosa accade (come il silenzio dell’altro) noi valutiamo cosa stiamo vivendo.

Se giudichi negativamente qualcosa, crei emozioni negative.
Per questo il processo di creazione delle emozioni è il punto da cui partire per non farti condizionare da nulla.

In questa lezione gratuita ti spiego come nascono le tue emozioni.

Una volta compreso e FATTO TUO questo processonessun silenzio punitivo avrà mai più il potere di condizionarti.

nessuno potrà mai più manipolarti.

 

Approfondimenti

Imparare a dire di no
Crisi di coppia
Difetti di una persona
Imparare ad amarsi
Volersi bene
Come trattare gli altri e farseli amici
Percorso di crescita personale
Comunicazione efficace
Comunicazione assertiva

Vuoi diventare più forte di qualunque problema?

Mettere in pratica quello che scriviamo non è facile.
Ma è possibile.

Come Mental Coach possiamo allenarti in questo.

Non un semplice miglioramento della tua vita, ma diventare tu, per sempre, una persona capace di affrontare qualsiasi problema senza che nulla possa abbatterti o fermarti.

Iniziamo gratis ⇒




Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti